Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
AMBIENTE - Codacons in azione
mercoledì, 21 ottobre 2015

mercoledì, 21 ottobre 2015

CODACONS per la Regione Calabria

Iniziativa della sede Provinciale di Vibo Valentia

(Responsabile: Avv. Claudio Cricenti)


"ACQUA SPORCA” NEL BACINO ARTIFICIALE DELL’ALACO: IL CODACONS IN DIFESA DEI CITTADINI CALABRESI

Dopo oltre 3 anni di indagini finalmente, il 21 ottobre, l’udienza preliminare. CODACONS si costituirà parte civile, rappresentato e difeso dell’Avv. Claudio Cricenti, e si propone di assistere tutti i residenti danneggiati dalle carenze igienico-strutturali del bacino



Colore marroncino, aspetto limaccioso, odore nauseabondo. Quando gli inquirenti si trovarono a decidere il nome dell'inchiesta non ebbero dubbi e la chiamarono “Acqua sporca”, come quella che sgorgava dai rubinetti di tanti Comuni calabresi e che non era buona - raccontano tra Vibo Valentia e Catanzaro - neanche per fare la doccia.

Ci sono voluti 3 anni di indagini e il sequestro del bacino artificiale dell’Alaco ma adesso, finalmente, l'indagine sul caso dell'acqua potabile “sporca” comincia a dare i suoi frutti: il 21 ottobre si è tenuta, infatti, l'udienza preliminare (per la cronaca, il giudice ha rinviato al 23 marzo 2016). Per sedici persone, in tutto, è stato richiesto il rinvio a giudizio: tra queste, c'è anche il sindaco di Catanzaro, nonché ex presidente di Sorical, Sergio Abramo. E poi Giuseppe Camo (presidente pro tempore del Cda Sorical) e Maurizio Del Re (a.d. della stessa Società). Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di avvelenamento colposo di acque, inadempimento di contratti di pubbliche forniture, omissione in atti d’ufficio e interruzione di un servizio di pubblica utilità.

Gli enti preposti a vigilare sull’invaso e sulla qualità dell’acqua, adesso, sono chiamati a rispondere: cos'è successo alla rete idrica pubblica, chi ne è responsabile, con quali conseguenze per la salute pubblica? Per scoprirlo il Codacons si costituirà parte civile, e si offre di assistere tutti i residenti danneggiati dalle carenze igienico-strutturali del bacino che vogliano darci mandato.

Per partecipare al processo clicca qui e lasciaci i tuoi recapiti, ti contatteremo con urgenza comunicandoti come, e dove, conferire incarico al nostro Responsabile di zona.





Sezioni: Codacons in azione
Aree: AMBIENTE, SANITA', ACQUA, CLASSACTION
Parole chiave: