Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
SANITA' - Codacons in azione
venerdì, 16 ottobre 2015

venerdì, 16 ottobre 2015

AMIANTO SUGLI ELICOTTERI DELLE FORZE ARMATE: CODACONS IN DIFESA DEL PERSONALE COINVOLTO

L'Associazione intraprende una duplice iniziativa in favore del personale civile e militare affinché venga risarcito dal datore di lavoro. Chi si iscrive gratuitamente al CODACONS riceverà:


  • Valutazione di fattibilità di un’eventuale azione risarcitoria in sede civile o amministrativa;

  • La nomina di persona offesa da indirizzare alla Procura di Torino (che indaga sulla vicenda da oltre un anno a seguito di un nostro esposto)



I FATTI. Una flotta di elicotteri imbottita di amianto, regolarmente in servizio all'insaputa degli equipaggi. Lo spettro della contaminazione per il personale di bordo. E il silenzio, colpevole, di chi avrebbe dovuto vigilare. Il terremoto che sta scuotendo le nostre Forze Armate porta il nome di un killer silenzioso, l'asbesto, che ogni anno – ancora oggi, 32 anni dopo la sua messa al bando - uccide 4mila persone solo in Italia. Un materiale ancora sparso in tutta la penisola, ma che nessuno avrebbe immaginato di trovare a bordo dei nostri elicotteri: e invece, diversi modelli a lungo in dotazione all'Esercito, alla Marina, all'Aeronautica e ai Carabinieri (ma forse anche alla Polizia di Stato, alla Guardia di Finanza, alle Capitanerie di Porto, ai Vigili del Fuoco e alla Protezione Civile) sono stati – per anni – letteralmente avvolti da questo materiale. Mezzi “inquinati” insomma, tanto da costringere il Ministro della Difesa Mario Mauro a una clamorosa ammissione: “Non è realistica la prospettiva di una rimozione integrale [dagli elicotteri delle Forze Armate] della presenza di amianto”.


LE INDAGINI. La Procura di Torino, nell'ambito di una maxi-inchiesta intrapresa a seguito di un esposto proprio del CODACONS e coordinata dal pm Raffaele Guariniello, sta indagando: l'accusa è di disastro colposo, per aver messo in pericolo la vita delle persone che hanno operato sugli elicotteri in dotazione alle varie amministrazioni dello Stato. La Procura, in particolare, contesta ai 55 dirigenti e tecnici indagati l’accusa di non avere fornito, malgrado i solleciti ricevuti, “notizie circa lesatta identificazione dei materiali con amianto negli aereomobili”. I cinquantacinque avvisi di garanzia emessi ai primi di ottobre, contenenti anche l’invito a comparire in Procura, hanno raggiunto i vertici delle società costruttrici Agusta Westland, Finmeccanica e Piaggio Aerospace. Ma anche funzionari pubblici e ufficiali delle Forze Armate che si sono occupati degli acquisti dei mezzi.


L'INIZIATIVA CODACONS. Il personale delle Forze Armate, gli elicotteristi, i militari, i manovratori aeroportuali, il personale addetto alla manutenzione degli elicotteri e dei singoli apparati o pezzi di ricambio, i tecnici che hanno svolto mansioni a contatto con elicotteri o componenti degli stessi possono avviare (previo tentativo di mediazione) azione risarcitoria nei confronti del datore di lavoro (Ministero della Difesa, Ministero dell'Economia e delle Finanze oppure ancora Ministero dell'Interno) e parallelamente inviare alla Procura la nomina di persona offesa che l'Associazione mette a disposizione gratuitamente così da potersi costituire in un'eventuale procedimento a carico degli indagati. Il nostro Staff medico legale valuterà, in prima istanza, la fattibilità di un’azione risarcitoria, in sede civile o amministrativa, e seguirà attivamente il prosieguo delle indagini di Torino, dove in caso di rinvio a giudizio si predisporrà una costituzione collettiva di parte civile.


Chi volesse iscriversi GRATUITAMENTE a questa prima fase dell’iniziativa clicchi qui.


Gli aeromobili interessati sarebbero: AB412, A109, NH500 provenienti dal gruppo Agusta Westland, Finmeccanica-Agusta Westland.

Gli elicotteri coinvolti: AB212, AB206, AB205, AB212AS, AB412, A129, SH-3D, HH-3F.




Sezioni: Codacons in azione
Aree: SANITA', TRASPORTI
Parole chiave: amianto, forze armate, elicotteri