Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
CLASSACTION - Codacons in azione
mercoledì, 2 dicembre 2015

mercoledì, 2 dicembre 2015

ATAC, LA PROCURA INDAGA SU APPALTI E DISSERVIZI: IL CODACONS DALLA PARTE DEGLI UTENTI

Sotto la lente di piazzale Clodio gli appalti degli ultimi 5 anni e tutte le criticità della mobilità capitolina. Il Codacons indirizzerà alla Procura le nomine di persona offesa di tutti gli utenti che decideranno di partecipare all'iniziativa



I FATTI. A Roma, che all'Atac qualcosa non funzioni, lo sanno tutti: in primis - non c'è neanche bisogno di dirlo - i passeggeri, gli utenti, gli abbonati, ormai da anni ridotti all'esasperazione da un'incredibile sequenza di criticità e problemi, tra ritardi, guasti e marce a passo d'uomo.

I disservizi dell'azienda per la mobilità del Comune si ripresentano con svizzera puntualità, infliggendo disagi (inenarrabili) ai tanti utenti e pendolari che ogni giorno affollano i mezzi pubblici capitolini. Tanto che i romani, ormai, non se ne stupiscono più: a un malfunzionamento alla ferrovia Roma-Lido, a un problema tecnico della metropolitana, non fa caso più nessuno.

La misura, ormai, è colma: i viaggiatori, esasperati, si chiedono da troppo tempo per quale motivo sembra impossibile usufruire di un servizio in linea con parametri europei.

L'INDAGINE. È stato un esposto depositato in Procura dall'ex assessore ai Trasporti del Comune di Roma Stefano Esposito a fornire lo spunto per aprire il fascicolo. L’indagine, per il momento senza ipotesi di reato né indagati, è stata affidata ai magistrati del pool reati contro la pubblica amministrazione dal procuratore Giuseppe Pignatone: dovrà ricostruire la gestione degli appalti in Atac negli ultimi cinque anni e approfondire anche i nodi più critici della mobilità capitolina.

L'INIZIATIVA CODACONS. Se dall’inchiesta dovessero emergere eventuali illeciti, sarà inevitabile un’azione legale da parte degli abbonati Atac, i quali potranno rivalersi sui responsabili individuati dalla magistratura per i danni subiti in qualità di fruitori dei servizi resi dall’azienda. Per questo, in rappresentanza della categoria degli utenti dei servizi di mobilità dell'Atac, il Codacons presenterà nelle prossime ore la propria nomina di persona offesa alla Procura di Roma. E intende fare lo stesso nell’interesse di tutti coloro che si iscriveranno all’Associazione cliccando qui.

L’iscrizione avviene tramite l'invio di un SMS al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS ATAC (al costo onnicomprensivo di € 2,03, di cui una parte destinata alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma).




Sezioni: Codacons in azione
Aree: CLASSACTION
Parole chiave: codacons, disservizio, atac, persona offesa, appalti, Procura, Procura di Roma, indagine, Esposito, pool, guasto, utenti, disagi, appalto, guasti