Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
DOSSIER SIAE - Comunicati stampa
mercoledì, 19 aprile 2017

mercoledì, 19 aprile 2017

CODACONS REPLICA A DIEGO CUGIA: ECCO LA PROVA CHE NON VOLEVA RESTITUIRE IL MALTOLTO



PRONTI A DENUNCIARE LO SCRITTORE PER CALUNNIA





Il Codacons replica oggi allo scrittore Diego Cugia di Sant’Orsola il quale, dopo aver perso in Cassazione la causa per diffamazione intentata contro l’associazione dei consumatori, e dopo aver rifiutato di restituire al Codacons 10mila euro pagati dall’ente a titolo di provvisionale, ha accusato l’associazione di volerlo diffamare con affermazioni lesive della sua dignità.
Dobbiamo ancora una volta smentire Diego Cugia e, per farlo, ci vediamo costretti a ricorrere ad uno strumento che non avremmo mai voluto utilizzare: la pubblicazione delle mail inviate al Codacons dal legale del noto scrittore. In tali comunicazioni, che riportiamo integralmente, il Cugia ci manda a dire che non potrà far fronte al suo dovere (quello di restituire 10mila euro al Codacons), non avendo “purtroppo la disponibilità per far fronte all'esborso”.
Solo a causa di tale rifiuto il Codacons ha deciso di diffidare Diego Cugia a restituire il maltolto, minacciando una denuncia in procura per appropriazione indebita, essendo tale somma una risorsa per chi conduce costose lotte a favore della collettività.
Quanto “all’accusa ignobile” di cui parla Cugia nella sua lettera inviata oggi all’Agi (quella di aver favorito un congiunto, all’epoca dirigente della Lehman Brothers, con riferimento a degli investimenti deliberati dal CdA della Siae), la Cassazione è stata fin troppo chiara: non era affatto una accusa ignobile, e “Rienzi e il Codacons hanno semplicemente riferito fatti obiettivi”.
Ci riserviamo ora una denuncia per calunnia nei confronti di Diego Cugia per le gravi affermazioni contenute nella sua lettera inviata oggi all’Agi, e riportiamo di seguito il testo integrale della mail inviataci dall’avvocato di Cugia, nella quale si mette nero su bianco il rifiuto dello scrittore a restituire al Codacons i 10mila euro pagati dall’associazione:

Gentile Collega,
la presente per confermarTi quanto già verbalmente comunicato alla Tua Segretaria in ordine alla possibilità di una corresponsione bonaria dell'importo di €.10.000,00 ricevuto dal Cugia quale provvisionale in relazione al procedimento in oggetto.
Il mio Assistito mi ha fatto presente come, alla luce degli estiti processuali, si senta moralmente in debito del Rienzi per la restituzione di quanto percepito, ma non abbia purtroppo la disponibilità per far fronte all'esborso.
Procedi pure pertanto con le azioni che riterrai opportune.
RingraziandoTi per la informale comunicazione, invio
i migliori saluti.










Sezioni: Comunicati stampa
Aree: DOSSIER SIAE, VARIE
Parole chiave: Diego Cugia , cassazione