Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ECONOMIA & FINANZA - Comunicati Stampa Consumernews
venerdì, 3 settembre 2010

venerdì, 3 settembre 2010

CODACONS: GLI ITALIANI MANGIANO IL 10% IN MENO DI CIBO RISPETTO AL 2006

Secondo la Confcommercio, che ha reso noto oggi l'Indicatore dei Consumi Confcommercio (Icc) di luglio, si sarebbe ''verificata una lieve tendenza al rialzo della spesa per consumi in termini reali''.
Per il Codacons i dati reali dicono ben altro e dimostrano che, purtroppo, la ripresa è ancora ben lungi dall'arrivare. A confermarlo è lo stesso Icc della Confcommercio, che registra sia nel mese di giugno che di luglio una riduzione dei volumi acquistati dalle famiglie del 2% per i beni, mentre per i servizi la lievissima ripresa di giugno (+0,6%), è già ridiscesa nel mese di luglio allo 0,4%. Unico dato non negativo è che gli italiani, dopo aver mangiato sempre meno da quasi 4 anni a questa parte, forse, hanno ripreso a mangiare, anche perché andando avanti di questo passo sarebbero morti di fame. Gli alimentari in quantità hanno registrato un meno 1,8% nel 2007, -3,3% nel 2008, - 3,1% nel 2009, - 0,8% nel primo trimestre 2010 e - 1,5% nel secondo trimestre 2010. Percentuali che sommate nel tempo si traducono in una drammatica riduzione degli acquisti di cibo da parte delle famiglie italiane, una percentuale che dal 2006 al 2° trimestre del 2010 è pari al 10%. In pratica è come se l'Italia fosse ritornata al tempo di guerra. Ebbene, nel mese di luglio c'è una leggera ripresa degli acquisti alimentari pari allo 0,5%. Che gli italiani abbiano ripreso a mangiare dopo mesi di digiuno?
In ogni caso, la spesa per consumi resta su livelli assoluti decisamente distanti dai valori pre-crisi. Per ritornare a quei livelli bisognerà attendere come minimo fino al 2015, con inevitabili conseguenze sull'occupazione e sull'economia generale del Paese.
Per questo il Governo avrebbe dovuto cercare di salvaguardare la capacità di spesa delle famiglie, cosa che avrebbe consentito di agganciare prima la ripresa e uscire più velocemente dal tunnel della crisi.

 



Sezioni: Comunicati Stampa Consumernews
Aree: ECONOMIA & FINANZA
Parole chiave: acquisti, alimentari, confcommercio, governo, prodotti