Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
TRASPORTI - Comunicati stampa
venerdì, 30 gennaio 2015

venerdì, 30 gennaio 2015

COSTA CONCORDIA: STASERA SU CODACONSTV IN ONDA L'ARRINGA FINALE DEL CODACONS NEL PROCESSO DI GROSSETO



 “LA CONDANNA DI SCHETTINO NON BASTA: VOGLIAMO PIENA GIUSTIZIA NEI CONFRONTI DI TUTTI I RESPONSABILI”







Stasera alle ore 20:30 su CodaconsTV (ch. 695 dtt Lazio, streaming web su www.codacons.it, app per dispositivi Apple e Android) va in onda il durissimo intervento dell'avv. Giuliano Leuzzi, che ieri ha esposto le conclusioni del Codacons al processo per il naufragio della Concordia in corso a Grosseto.
L’associazione, nel corso dell'arringa, ha ripercorso l'accesso negato agli atti, le istanze rimaste senza risposta, i ricorsi vinti al Tar, gli ostacoli incontrati lungo il cammino; e poi ancora i misteri, le omissioni, i ritardi, le lacune, le spiegazioni inverosimili, e i pesantissimi dubbi sul malfunzionamento del generatore di emergenza. Un processo “anomalo”, tutto in salita per chi ha inteso accertare il complesso delle responsabilità, comprese quelle della compagnia, del costruttore della nave, degli enti certificatori, del personale di bordo: perché  fin dall'inizio, centrato solo su. Comandante Francesco Schettino.
Il Codacons, dunque, è arrivato alla fine di un impegno triennale rivendicando – una volta di più – le sue ragioni: “Ottenere che si faccia piena giustizia di tutte le responsabilità” così da “imparare da questa esperienza e migliorare le condizioni della navigazione tutelando l’incolumità di milioni di persone”. Ha chiesto quindi che “sia dichiarata la responsabilità dell’imputato”, smentendo ancora una volta quanti hanno infangato l'immagine dell'associazione, accusandola di “difendere” Schettino. Ma, con coerenza, ha chiesto anche che “il Tribunale rimetta gli atti alla procura della Repubblica per procedere nei confronti di tutti i responsabili dei malfunzionamenti della nave”.



Sezioni: Comunicati stampa
Aree: TRASPORTI, CODACONS TV
Parole chiave: costa concordia, codacons tv