Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
BANCA - Codacons in azione
lunedì, 31 ottobre 2016

lunedì, 31 ottobre 2016

SCANDALO CREDIT SUISSE AG: IL CODACONS IN CAMPO A TUTELA DEI PICCOLI RISPARMIATORI

Dopo il patteggiamento con il fisco e la Procura, l'Associazione mette a disposizione di correntisti, azionisti e obbligazionisti dell'istituto una diffida con cui richiedere il risarcimento dei danni subiti

 



I FATTI. Gli ingredienti, per uno scandalo di portata internazionale, c'erano tutti: un'indagine per riciclaggio a carico di un colosso bancario svizzero, 13mila presunti evasori fiscali italiani nel mirino della Guardia di Finanza e - soprattutto - 14 miliardi di euro portati all'estero grazie a finte polizze assicurative.

Il trucco, secondo gli investigatori, era semplice: buona parte dei 14 miliardi depositati all'estero venivano dirottati in polizze vita definite dagli investigatori “di copertura”. Le polizze assicurative sarebbero state soltanto un escamotage studiato dai funzionari della banca svizzera per consentire ai clienti italiani di portare denaro oltre il confine (e nasconderlo all'erario).

L'ACCORDO. L'iniziativa della Procura ha fatto davvero rumore. Per la prima volta un grande gruppo bancario è stato messo direttamente sotto accusa in Italia: con 1.260 miliardi di euro di attivi, Credit Suisse è infatti (stando ai dati di Mediobanca) uno dei primi 20 istituti di credito del mondo.

È proprio per questo che la notizia del patteggiamento ha colto tutti di sorpresa: Credit Suisse Ag ha infatti staccato un assegno da 109,5 milioni di euro per chiudere “l'indagine condotta dalle autorità italiane relativa alle passate attività transfrontaliere di Credit Suisse Ag” con il Fisco italiano e con la Procura.

L'INIZIATIVA CODACONS. L'Associazione ha scelto di intervenire a tutela dei piccoli risparmiatori dell'istituto. L'accordo, l’ammissione del reato e la richiesta di patteggiamento presentata da Credit Suisse Ag - oltre a tradursi in un grave danno di immagine dell’Istituto bancario in sé - comporta infatti un evidente danno di immagine anche per tutti i titolari di conti correnti, azioni, obbligazioni, polizze assicurative presso l'istituto svizzero.

Per scaricare la diffida da iscriviti all'Associazione cliccando qui.

L’iscrizione avviene tramite l'invio di un SMS al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS 2017 al costo onnicomprensivo di € 2,03, di cui una parte destinata:

·  alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma;

·  all’Istituto Internazionale di Scienze Mediche Antropologiche e Sociali I.I.S.M.A.S. www.iismas.it attivo nel campo della ricerca medica a favore delle popolazioni più povere dell’Africa, dell’America Latina e del Sud-Est asiatico.




Sezioni: Codacons in azione
Aree: BANCA, COME DIFENDERSI, CLASSACTION
Parole chiave: credit suisse, patteggiamento, fisco, procura