Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
CLASSACTION - Codacons in azione
sabato, 28 maggio 2016

sabato, 28 maggio 2016

CODACONS per la Regione Toscana


CROLLO DEL LUNGARNO: IL CODACONS INTERVIENE IN DIFESA DEI FIORENTINI

L'Associazione si costituisce parte offesa e mette a disposizione degli interessati la nomina individuale, necessaria per avanzare in seguito un'eventuale richiesta di risarcimento danni



I FATTI. “Ma che sta succedendo”, si domandava un passante di fronte alle crepe sul Lungarno, qualche ora prima del crollo. La risposta non si è fatta attendere: una voragine di 200 metri si è aperta in pieno centro di Firenze, inghiottendo - letteralmente - alcune auto in sosta. Uno scenario apocalittico si è materializzato sul Lungarno Torrigiani, tra ponte Vecchio e ponte Le Grazie, a causa della rottura di un tubo; un disastro inatteso, reso ancor più grave dalle conseguenze per la popolazione, visti i problemi al servizio idrico che si sono verificati praticamente in tutta la città. Adesso, a emergenza rientrata, in molti parlano di un problema denunciato da troppo tempo: mentre tra amministrazione comunale e Publiacqua, l'azienda che gestisce il servizio idrico, si è consumato il consueto scaricabarile.

LE INDAGINI. Sarà stato l'errore umano di cui ha parlato Nardella, o i “tubi da preistoria” chiamati in causa dall'ex presidente di Publiacqua (l'azienda che gestisce il servizio idrico del capoluogo)? Per chiarirlo, la Procura di Firenze non ha perso tempo, aprendo immediatamente un fascicolo di indagine. Il reato ipotizzato, per ora, è “crollo colposo”. Sono molti gli elementi che gli inquirenti dovranno prendere in considerazione per spiegare le ragioni di questa tragedia sfiorata: cosa sarebbe successo, infatti, se il crollo si fosse verificato a mezzogiorno, anziché alle 6.15 del mattino?

L'INIZIATIVA CODACONS. La gravità dell'accaduto rende l'interessamente del Codacons doveroso: per questo, l'Associazione ha deciso di costituirsi parte offesa e ha chiesto alla Procura di estendere l'indagine alle ipotesi di abuso di ufficio, omissione in atti d’ufficio e omesso controllo e vigilanza.

Inoltre, il Codacons mette a disposizione, per tutti i cittadini residenti a Firenze che si iscriveranno cliccando qui, la nomina di persona offesa da inviare in Procura, necessaria per avanzare in seguito un'eventuale richiesta di risarcimento danni.

L’iscrizione avviene tramite l'invio di un SMS al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS 2017 (al costo onnicomprensivo di € 2,03, di cui una parte destinata alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma). Chi si iscriverà verrà informato sugli sviluppi della vicenda e su tutte le iniziative avviate da parte dell'Associazione.




Sezioni: Codacons in azione
Aree: CLASSACTION
Parole chiave: sistema idrico, crollo, fiorentini, voragine, firenze, lungarno