Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
CLASSACTION - Codacons in azione
martedì, 9 febbraio 2016

martedì, 9 febbraio 2016

CODACONS per la Regione Lazio


DIVIETO D'ACCESSO NELLA “FASCIA VERDE” DI ROMA PER LE AUTO PRE-EURO 1: BENE IL PROVVEDIMENTO, MA I PROPRIETARI DEVONO ESSERE INDENNIZZATI!

L'Associazione mette a disposizione degli interessati un'istanza di indennizzo: in questo modo, i proprietari potranno investire su un sistema meno inquinante del veicolo “Euro 0” colpito dall'ordinanza della Giunta Capitolina



I FATTI. Dal 15 dicembre, a Roma, i mezzi pre-Euro 1 (i cosiddetti “Euro 0”) non potranno più circolare nella nuova zona a traffico limitato, chiamata “Fascia Verde” che va a includere le ZTL già esistenti “Città Storica” e “Anello Ferroviario”: qui, infatti, è scattato il divieto permanente di accesso e circolazione per i veicoli più inquinanti. La delibera firmata dal commissario Tronca dà attuazione agli interventi per la qualità dell’aria contenuti nel Piano generale del traffico urbano (PGTU): l'obiettivo – obbligato, alla luce degli inquietanti valori registrati nei mesi scorsi – è quello della limitazione delle emissioni a Roma.

I VEICOLI COINVOLTI. Se il fine è sacrosanto, conviene dare un'occhiata al mezzo scelto per perseguirlo. Stando ai dati più attendibili, i veicoli “Euro 0” sarebbero in totale 181.880 (155.558 a benzina più 26.322 diesel) su un parco auto complessivo di 1.776.383 vetture. Su tutti questi proprietari - cui non si garantiscono incentivi alla rottamazione, del tutto assenti nella recente Legge di Stabilità, e che nessuno prevede di indennizzare - ricade il peso della lotta (collettiva) allo smog. Senza, per giunta, accompagnare a questa misura una politica di ammodernamento ed efficientamento del trasporto pubblico, o ancora provvedimenti capaci di ridurre le emissioni degli impianti di riscaldamento domestico.

L'INIZIATIVA CODACONS. Posto che tra gli obiettivi del Codacons vi è la tutela dell’ambiente e del territorio (e quindi qualsiasi provvedimento che limiti, anche solo di una percentuale irrisoria, le emissioni inquinanti è accolto positivamente) l'Associazione ritiene che i proprietari delle “Euro 0” - che subiscono un evidente pregiudizio del proprio diritto di proprietà - vadano indennizzati, permettendogli di investire su qualsiasi sistema meno inquinante, che possa costituire una valida alternativa all’uso dell’automobile.

PER ADERIRE. L'Associazione mette a disposizione di tutti i proprietari di autoveicoli “Euro 0” si iscriveranno cliccando qui, l'istanza di indennizzo. L’iscrizione avviene tramite l'invio di un SMS al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS 2017 (al costo onnicomprensivo di € 2,03, di cui una parte destinata alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma).





Sezioni: Codacons in azione
Aree: CLASSACTION
Parole chiave: PRE-EURO 1, FASCIA VERDE, EURO 0