Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ALIMENTAZIONE - Comunicati stampa
martedì, 7 marzo 2017

martedì, 7 marzo 2017

EATALY: CODACONS REPLICA ALL’AZIENDA. ORA FORNITE SPIEGAZIONI AD ANTITRUST E CITTADINI



PRODOTTI CON MATERIE PRIME ESTERE POSSONO ESSERE VENDUTI COME TIPICAMENTE ITALIANI?





Il Codacons replica al comunicato stampa diramato oggi da Eataly con cui l’azienda interviene sull’indagine aperta dall’Antitrust, a seguito di esposto presentato dall’associazione dei consumatori, in merito ad alcuni prodotti venduti online dal colosso dell’alimentazione.
Eataly dovrà fornire ora adeguate spiegazioni all’Autorità e ai cittadini in merito all’origine delle materie prime di alcuni prodotti venduti come rigorosamente italiani, e speriamo possa dimostrare la sua totale estraneità alle accuse mosse – spiega il Codacons – E’ importante capire come possano ritenersi tipici del “Made in Italy” e pubblicizzati con grande enfasi come tali, alimenti quali il cioccolato o il caffè, le cui materie provengono da paesi lontanissimi. Simboli, etichette e messaggi pubblicitari che richiamano l’italianità dei prodotti sono elementi delicatissimi in grado di modificare le scelte economiche dei consumatori i quali, secondo recenti studi, sono disposti a pagare di più pur di avere la certezza di acquistare alimenti realizzati con materie rigorosamente nostrane.
Proprio a tutela dei consumatori e per la massima trasparenza nelle informazioni rese da Eatay, già in passato il Codacons aveva avviato un procedimento nei confronti della società, sfociato in un ricorso al Tar e in una multa da 50mila euro inflitta dall’Antitrust a Eataly, per informazioni ingannevoli rese ai consumatori relativamente ad alcuni vini in commercio presso i punti vendita del colosso alimentare.
Attendiamo ora da Eataly  le informazioni richieste dall’Antitrust e, una volta depositate, valuteremo le eventuali azioni da intraprendere – conclude il Codacons.



Sezioni: Comunicati stampa
Aree: ALIMENTAZIONE
Parole chiave: Antitrust, Eataly