Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ECONOMIA & FINANZA - Rassegna Stampa
giovedì, 12 gennaio 2017
Il Messaggero

giovedì, 12 gennaio 2017

Effetto gelo, meno verdure dal Sud: è rischio stangata




segue dalla prima pagina Intanto, il Codacons si dice pronto «a denunciare per aggiotaggio chi aumenterà i prezzi senza motivo». Per quanto riguarda le coltivazioni e produzioni interne, Coldiretti Umbria teme per di ortaggi di stagione coltivati in pieno campo e per il gelo che in alcune zone della regione ha bloccato le tubature dell' acqua in aziende situate in aree montane. Nelle zone terremotate il freddo potrebbe invece avere conseguenze sulla zootecnia, sia per la riduzione della produzione del latte e per il pericolo di aborti tra gli animali. Per ora nessun allarme sul versante seminativi. «Non a caso un vecchio adagio popolare recita sotto la neve pane, col freddo che aiuta a combattere, ad esempio, i vari parassiti delle piante. È chiaro proseguono da Coldiretti Umbria che temperature polari prolungate in prospettiva potrebbero nuocere al comparto regionale». Le note dolenti arrivano da fuori regione, considerando l' impatto dell' ondata di freddo, neve e gelo sulle regioni meridionali dalle quali, specie in questo periodo, arriva gran parte degli ortaggi messi in vendita in negozi e supermercati della regione. «Stavolta lo tocchiamo con mano il danno che c' è, si vede ed è documentato», osserva Federico Tosti di Grandi Magazzini Fioroni. «La merce non c' è: questo è un periodo dell' anno nel quale l' 80% degli ortaggi arrivano da Puglia, Campania, Calabria, Abruzzo e Molise, le regioni più colpite dalla neve. Un produttore pugliese questa mattina (ieri, ndr) mi diceva che la temperatura era meno sette e l' ortaggio in queste condizioni non resiste; non è un tubero che sta sotto terra e quando nevica o gela le verdure a foglia larga non resistono». Difficile quindi destreggiarsi tra le proposte di fruttivendoli e supermercati, con la lista dei prodotti più danneggiati composta da bietola, cime di rapi, broccoli, cavolfiore o verza. «Queste al momento sono le referenze che stanno scarseggiando di più e se non compriamo dall' estero il prodotto nazionale è un' inerzia». Un primo rischio speculazione arriva quindi da oltre frontiera. «Il rischio è che la Spagna, ad esempio, ma anche altri paesi come Francia, Olanda o Germania, visto che in Italia c' è questa carenza di prodotti, alzino i prezzi e questa situazione ce la porteremo avanti per settimane. L' ortaggio impiega mesi per rinascere e maturare; siamo in un periodo difficile». Intanto all' ingrosso, come segnala freshplaza.it, si segnalano prezzi già alle stelle per melanzane, pomodori e zucchine, ortaggi coltivati nelle serre che in alcune zone sono crollate e stanno finendo le riserve di carciofi pugliesi conservati nelle celle. Così come nei frigo ci sono mele e pere, frutta per la quale non è prevista alcuna ripercussione derivante dal gelo di questi giorni. Per questo, il Codacons ha annunciato di aver depositato in 104 procure d' Italia denunce per aggiotaggio. «Da domani (oggi, ndr) avvieremo un monitoraggio anche in Umbria per valutare gli aumenti ingiustificati dei prezzi al dettaglio dell' ortofrutta spiega Carla Falcinelli, presidente del Codacons Umbria - anche perché molti di questi prodotti è stoccata da tempo e non si capisce perché dovrebbero subire rincari legati al maltempo». L' associazione chiede anche la collaborazione dei consumatori. «Chiediamo di non acquistare prodotti che vedono rincarati immotivatamente», aggiunge la Falcinelli. «È l' unica arma che abbiamo per fronteggiare questo malcostume e invitiamo i cittadini inoltre a fotografare i cartellini dei prezzi e a segnalare gli aumenti». Anche la frutta di stagione è a rischio rincari ma per gli esperti è ancora presto per valutare le conseguenze del freddo sul raccolto. «Sugli agrumi è prematuro, bisognerà aspettare qualche giorno per quantificare il danno», aggiunge Federico Tosti. «Quelli maturi sicuramente sono stati danneggiati, ma bisognerà vedere le conseguenze su quelli tardivi». Fabio Nucci.
fabio nucci
 



Sezioni: Rassegna Stampa
Aree: ECONOMIA & FINANZA
Parole chiave: Coldiretti , prezzi, ortofrutta, maltempo
Testate: Il Messaggero