Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
SANITA' - Codacons in azione
mercoledì, 15 marzo 2017

mercoledì, 15 marzo 2017

IL PASTICCIO DELL'ESAME DI ABILITAZIONE PER I MEDICI: IL CODACONS DENUNCIA IL CASO E TUTELA GLI ASPIRANTI MEDICI

Gli errori nel corso dell'esame di Stato gettano nell'incertezza i partecipanti: l'Associazione interviene e mette a disposizione una diffida per richiedere al Miur una nuova prova per tutti i candidati



I FATTI. Non bastavano gli strafalcioni contenuti nei manuali di preparazione: dai farmaci antipertensivi “satanici” alle cellule “eucaristiche” (e non “eucariote”), passando per le “ovaje”, la “pancreatine” cronica e acuta, la “rettorragia” che contemporaneamente è “il più comune sintomo del carcinoma del retto” e, solo qualche pagina dopo, non lo è più. Non bastavano centinaia di refusi, errori e parole mancanti. Nel corso della prova scritta per l’esame di Stato che abilita i medici alla professione, infatti, i problemi – e il pressappochismo - non sono mancati.

PANICO. Come se non bastassero lo stress e l'ansia accumulati nel corso del tempo dai candidati per affrontare il test, infatti, nel corso della prova del 15 febbraio scorso è arrivato il quesito sull’eutanasia con il “medico che può effettuare o favorire trattamenti diretti a procurare al morte solo su richiesta ripetuta del malato”: a quanto si apprende dai quesiti del Miur, quindi, la discussione sull'eutanasia non avrebbe nessun senso, visto che la pratica sarebbe già permessa e riconosciuta.

L'abbaglio dei funzionari del ministero è così clamoroso che ha gettato nell'incertezza i partecipanti, tanto che il Miur ha dovuto riconoscere “il modo errato” in cui è stata formulata la domanda e ha deciso che “il quesito verrà considerato come risposto correttamente da parte di tutti i candidati”.

L'INIZIATIVA CODACONS. L'Associazione ha scelto di muoversi a tutela dei partecipanti alla prova in questione, oltre che della trasparenza e del corretto svolgimento dei pubblici concorsi: per questo, il Codacons ha deciso di presentare un esposto alla Procura di Roma, segnalando l'accaduto.

Inoltre, l'Associazione mette a disposizione degli interessati una diffida: con questo atto, i candidati diffideranno il Miur ad accertare la situazione denunciata e a prevedere una nuovo esame da far sostenere a tutti gli iscritti che non abbiano superato il test del 15/2/2017 per deficienze insite nel sistema organizzativo delle prove stesse.

PER ADERIRE. Per aderire all'iniziativa clicca qui e scarica la diffida.

L’iscrizione avviene tramite l'invio di un SMS al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS 2017 al costo onnicomprensivo di € 2,03, di cui una parte destinata:

  • alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma;

  • all’Istituto Internazionale di Scienze Mediche Antropologiche e Sociali I.I.S.M.A.S.www.iismas.it attivo nel campo della ricerca medica a favore delle popolazioni più povere dell’Africa, dell’America Latina e del Sud-Est asiatico.




Sezioni: Codacons in azione
Aree: SANITA'
Parole chiave: esame medici, MEDICI, esame medicina