Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
CLASSACTION - Codacons in azione
mercoledì, 9 novembre 2016

mercoledì, 9 novembre 2016

CORRUZIONE E GRANDI OPERE, ANCORA UNO SCANDALO: IL CODACONS INTERVIENE A TUTELA DEI CITTADINI

Dall'alta velocità alle autostrade, emerge un giro di commesse e consulenze milionarie a tutto danno della sicurezza: l'Associazione si costituisce parte offesa e mette a disposizione degli interessati la nomina individuale, necessaria per avanzare un'eventuale richiesta di risarcimento danni



I FATTI. Il nesso tra grandi opere e corruzione, in Italia, sembra non avere mai fine. Non c'è neanche il tempo di dimenticare gli ultimi casi, che di nuovo si torna a parlare di appalti truccati: da Nord a Sud, dall'alta velocità ferroviaria alle autostrade, è emerso un giro di commesse e consulenze milionarie, un vero e proprio sistema di corruzione legato agli appalti di alcune grandi opere pubbliche. Il quadro tratteggiato dagli inquirenti è chiaro: ne emerge l'immagine di un'associazione per delinquere, di un sistema “disinvolto e spregiudicato” che coinvolgeva imprenditori e direttori dei lavori.

Trentacinque persone sono state arrestate in due diverse operazioni, portate a termine dalla Procura di Roma e da quella di Genova; sono accusati di concussione, turbativa d’asta, associazione per delinquere, corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio e tentata estorsione. Sarebbero stati loro a portare a termine condotte corruttive nei lavori di una tratta della Tav Milano-Genova-Terzo Valico Ferroviario dei Giovi (Alta Velocità Milano-Genova), del sesto Macrolotto dell'Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e della "People mover" di Pisa, ovvero il collegamento tra la stazione centrale e l'aeroporto Galilei.

LA SICUREZZA PERDUTA. Cemento che sembra colla,calcestruzzo che non ha una barriera fisica e defluisce un po’ a cazzo come gli pare a lui”, forniture di materiale “che era acqua o che non scendeva nemmeno dalla canalina intasando “pure la pompa": il frasario dei protagonisti del nuovo scandalo tricolore inquieta chiunque abbia a cuore la sicurezza dei trasporti, e racconta di potenziali pericoli per i cittadini.

Da questo punto di vista le parole del gip di Roma aiutano a fotografare la situazione: “Gli indagati (…) violano sistematicamente le procedure di sicurezza e di qualità delle opere realizzate grazie alla compiacenza della direzione dei lavori”. Il quadro emerso, infatti, è agghiacciante: cementi depotenziati, inerti di scarsa qualità, ferro e acciai non conformi, asfalti diversi per qualità e quantità rispetto a quelli previsti dai capitolati. Sono queste le cause, per il magistrato, dei crolli e dei malfunzionamenti che caratterizzano le opere pubbliche: “Questi artifici truffaldini saranno la matrice dei crolli spontanei o indotti dai terremoti e dall’uso, di migliaia di opere pubbliche consegnate come gioielli della tecnica ma, alla luce di ciò che solitamente si accerta, in molti casi frutto di gravissime truffe ai soggetti pubblici”.

L'INIZIATIVA CODACONS. L'iniziativa dell'Associazione è assolutamente doverosa alla luce dei fini statutari: al Codacons è infatti affidata la tutela dell’interesse comune, e mai come in questo caso i reati contestati riguardano proprio la collettività nel suo complesso. Per questo, abbiamo deciso di costituirci parte offesa nel procedimento e di mettere a disposizione di tutti gli interessati la nomina individuale, necessaria per avanzare in seguito un'eventuale richiesta di risarcimento danni.

PER ADERIRE. Per aderire all'iniziativa clicca qui e scarica le due nomine di persona offesa da indirizzare alle Procure di Roma e Genova, che stanno conducendo le indagini.

L’iscrizione avviene tramite l'invio di un SMS al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS 2017 al costo onnicomprensivo di € 2,03, di cui una parte destinata:

  • alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma;

  • all’Istituto Internazionale di Scienze Mediche Antropologiche e Sociali I.I.S.M.A.S. www.iismas.it attivo nel campo della ricerca medica a favore delle popolazioni più povere dell’Africa, dell’America Latina e del Sud-Est asiatico.





Sezioni: Codacons in azione
Aree: CLASSACTION
Parole chiave: corruzione, grandi opere, appalti