Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |




DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
VARIE - Codacons in azione
lunedì, 28 settembre 2015

lunedì, 28 settembre 2015

PENSIONATI “SCIPPATI”: DOPO LA PRIMA UDIENZA AL TAR C'È L'ULTIMA POSSIBILITÀ PER CHI NON SI FOSSE ANCORA DATO DA FARE

Il Tar Lazio all'udienza del 3 novembre scorso ha dato il via alla battaglia giudiziaria accogliendo l’istanza istruttoria presentata dai legali del Codacons e degli oltre 4000 pensionati ricorrenti

Dopo l'intervento al Tar, l'Associazione mette a disposizione i testi per gli eventuali ricorsi individuali (Giudice del lavoro per gli ex dipendenti privati e Corte dei conti per gli ex pubblici)



È iniziato il processo amministrativo e, come i legali del Codacons auspicavano, il Tar ha, con l'ordinanza N. 12427/2015, “Ritenuto necessario ai fini del decidere acquisire dal Ministero dell'Economia e Finanze e dal Ministero del Lavoro, ciascuno pro parte, una compiuta relazione dalla quale risulti la proposta attestante anche le 'esigenze finanziarie' indicate nelle premesse del d.l. n. 65 del 2015 e la documentazione tecnica attestante le attese maggiori entrate di cui all'art. 17, comma 3 della legge 31 dicembre 2009, n. 196”. Ciò vuol dire intanto che, nonostante la politica abbia liquidato la vicenda con un'elemosina estiva (con il famoso gettone stanziato per lo più nel mese di agosto e solo ad alcuni pensionati), il mancato rispetto della Sent. N. 70/2015 della Consulta deve essere spiegato ai pensionati attraverso relazioni tecniche adeguate”.

Si tratta del primo colpo - piccolo ma significativo, che apre importanti spiragli circa il successo finale - sferrato dagli oltre 4000 mila pensionati che hanno ricorso al Tar, ma anche da tutti e 12000 gli aderenti alla class action pubblica, a chi gli ha messo le mani in tasca senza chiedere il permesso né ringraziare.

Alla luce di quanto accaduto e nell'ottica del nostro impegno in loro favore offriamo a coloro i quali non si siano già adoperati, per il nostro tramite o attraverso altre vie, ancora una possibilità di farsi valere:

· Clicca qui per ottenere esclusivamente le bozze dei ricorsi individuali da presentare, come specificato sopra, tramite un proprio legale (non c'è al momento un termine di scadenza).

Per chi ha aderito al ricorso al Tar, in occasione dell'udienza del 23/2/2016 è stato previsto rinvio per la discussione del ricorso nel merito al 13/12/2016.




Sezioni: Codacons in azione
Aree: VARIE, CLASSACTION
Parole chiave: pensioni, Fornero