Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ECONOMIA & FINANZA - Comunicati stampa
venerdì, 14 aprile 2017

venerdì, 14 aprile 2017

ISTAT: IN ITALIA 4,5 MILIONI IN POVERTA’ ASSOLUTA, 6,1% DEI RESIDENTI



CODACONS: IN 5 ANNI SITUAZIONE GRAVEMENTE PEGGIORATA. NEL 2010 POVERTA’ ERA AL 4,6%. +1,47 MILIONI DI CITTADINI POVERI NEL PERIODO 2010-2015







Nessun miglioramento sul fronte della povertà in Italia, con i numeri che appaiono al contrario in peggioramento. Lo afferma il Codacons, commentando i dati dell’Istat relativi al 2015.
“La povertà assoluta nel 2015 coinvolge il 6,1% delle famiglie residenti; un dato addirittura peggiore rispetto a quello registrato dall’Istat nel 2010 quando, in piena crisi economica, la quota di famiglie in povertà assoluta si fermava al 4,6% - spiega il presidente Carlo Rienzi – In 5 anni il numero di cittadini poveri è passato da 3.129.000 a 4.598.000 individui: questo significa che il numero di italiani in condizioni di povertà è aumento di 1.469.000 persone”.
“Numeri in grave peggioramento che hanno un unico responsabile: la classe politica. Mentre infatti gli italiani si impoverivano, i governi di ogni colore non sono stati in grado di arginare il fenomeno povertà, mentre hanno saputo benissimo alimentare sprechi e tutelare privilegi ed  emolumenti vari” – conclude Rienzi.






Sezioni: Comunicati stampa
Aree: ECONOMIA & FINANZA
Parole chiave: povertà , istat, carlo rienzi