Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ENERGIA - Rassegna Stampa
mercoledì, 7 settembre 2016
Il Messaggero

mercoledì, 7 settembre 2016

Misurazione dei consumi presentato ricorso al Tar




CLASS ACTION Sarà iscritto al ruolo entro la settimana il ricorso (class action) promossa dal Codacons contro il Comune che non ha adempiuto entro il primo aprile 2016 alla installazione dei contabilizzatori negli appartamenti del progetto Case per la misurazione dei consumi di riscaldamento. Abbiamo notificato la diffida al Comune 90 giorni fa - spiega per il Codacons l' avvocato Fabrizio Foglietti - e non abbiamo avuto risposta. L' udienza sarà fissata dal Tar entro un tempo massimo di 120 giorni. La class action pubblica non è come quella privata che richiede l' adesione di tutti gli interessati; si può fare un atto di intervento prima dell' udienza. Se sarà sancito dal Tar l' obbligo di installare i contatori, ciò non varrà solo per i ricorrenti, ma per tutti gli assegnatari del progetto Case. Hanno aderito alcuni associati, tuttavia la class action può essere promossa anche da un solo soggetto perché la pronuncia vale per tutti essendo interesse collettivo. In caso di accoglimento del ricorso, il tribunale ordinerebbe all' amministrazione di rimuovere il comportamento antigiuridico in quanto si pone in violazione di un temine perentorio, continua Foglietti. L' obiettivo del ricorso è ottenere, l' esatta ripartizione del costo riferito ad ogni piastra in base alle risultanze di contatori individuali. E non più in base alla sola superficie dell' alloggio. Ciò è stato stabilito dall' articolo 11, comma 11 ter, del D.L. n. 78 del 19 giugno 2015 che ha disposto la bollettazione sulla base dei consumi effettivi e non più in maniera forfettaria. L' amministrazione lamenta concrete difficoltà economiche a fronte di un progetto che prevedrebbe una spesa di circa 7 milioni di euro sostiene il Codacons - Il Comune, però, a nostro avviso non tiene conto di alcune circostanze nient' affatto trascurabili: oltre la metà dei contacalorie presenti negli alloggi del progetto C.A.S.E. sono già perfettamente funzionanti; con una spesa molto più modesta si potrebbe provvedere alla loro revisione, alla sostituzione di quelli guasti ed all' installazione di quelli mancanti. A.Cal. © RIPRODUZIONE RISERVATA.



Sezioni: Rassegna Stampa
Aree: ENERGIA, CLASSACTION
Parole chiave: class action, Fabrizio Foglietti, progetto Case
Testate: Il Messaggero