Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
SANITA' - Comunicati Stampa Consumernews
giovedì, 12 agosto 2010

giovedì, 12 agosto 2010

ORA LA MARTINI CI DICA SE I COCKER SONO COME I ROTTWEILER

IL CODACONS RICHIEDE IL PATENTINO OBBLIGATORIO

"Ora il sottosegretario Martini ci dica se considera ancora i rottweiler potenzialmente pericolosi come i cocker' ha dichiarato il presidente del Codacons, Marco Maria Donzelli, dopo la tragica morte del bimbo di Foggia, azzannato nei giorni scorsi dal rottweiler del padre.
"E' irresponsabile sostenere, come ha ideologicamente voluto fare il Sottosegretario alla Salute Francesca Martini nella sua ordinanza, che tutti i cani sono uguali e richiedono le stesse identiche precauzioni. I cocker non hanno mai ucciso nessun essere umano al mondo. I rottweiler ed i pitbull hanno ucciso e continuano ad uccidere' ha proseguito Donzelli.
Per questo il Codacons chiede il ripristino delle 17 razze potenzialmente più pericolose e chiede che per i padroni di queste razze sia introdotto il patentino obbligatorio. Chi ha questi animali, infatti, deve dimostrare di essere in grado di addestrarli e conoscerli.
Con l'ordinanza Martini, invece, il patentino non è obbligatorio per nessuno, salvo che il cane abbia già dimostrato al veterinario di essere aggressivo e pericoloso, ossia dopo che ha morsicato e ridotto in fin di vita qualcuno. Il provvedimento della Martini, infatti, stabilisce che i servizi veterinari decideranno "le misure di prevenzione e la necessità di un intervento terapeutico comportamentale' solo "nel caso di rilevazione di rischio potenziale elevato, in base alla gravità delle eventuali lesioni provocate a persone, animali o cose', ossia solo dopo che le aggressioni si sono verificate. Anzi, non basterà essere morsicati, ma occorrerà che le lesioni provocate dal cane siano GRAVI !!!!



Sezioni: Comunicati Stampa Consumernews
Aree: SANITA'
Parole chiave: francesca martini, marco maria donzelli, rottweiler