Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
TRASPORTI - Rassegna Stampa
lunedì, 20 marzo 2017
Leggo

lunedì, 20 marzo 2017

Muore dopo lo scontro col cinghiale, è bufera




Anita Sacconi Era in sella al suo scooter quando d'un tratto l'impatto con un cinghiale l'ha travolto e ucciso. Nella notte tra venerdì e sabato un 49enne romano ha perso la vita mentre percorreva a bordo del motorino via Cassia. L'uomo è stato sbalzato dalla sella dall'animale, all'incrocio con via dell'Inviolatella Borghese, una strada secondaria che taglia l'omonimo parco naturale. L'impatto è stato violentissimo: l'uomo, finito a terra con gravi ferite alla testa, è morto in ambulanza durante i soccorsi. A chiarire la dinamica un testimone oculare: un cinghiale sarebbe comparso all'improvviso dalla macchia di verde e lo avrebbe disarcionato scaraventandolo sull'asfalto. Una tragedia che ha scatenato subito polemiche. Sono anni infatti che i residenti denunciano la presenza cinghiali nei centri abitati. Da via Cortina d'Ampezzo a via dell'Acqua Traversa, a via Cassia, fino alla Balduina e al video, neanche un mese fa, di un esemplare in corsa lungo via Baldo degli Ubaldi. Allarmi inascoltati.
«Negli ultimi 10 anni - sottolinea la Coldiretti - il numero dei cinghiali presenti in Italia è raddoppiato. La sicurezza nelle aree rurali e periurbane è in pericolo. Distruggono raccolti, sterminano animali, causano incidenti stradali per quasi 100 milioni di danni nell'ultimo anno, senza contare le vittime. È un fatto di sicurezza delle persone che va affrontato con decisione». «Chiediamo alla Procura di aprire un'indagine verificando le responsabilità del Comune, dei vigili e delle Guardie zoofile, alla luce delle possibili fattispecie di omissione di atti d'ufficio e concorso negli eventuali reati ravvisati compreso il concorso in omicidio colposo», annuncia il Codacons. «Morire nel 2017 nella Capitale d'Italia perché si ha la sfortuna di trovare sulla propria strada un cinghiale è una cosa assurda. La città è abbandonata a se stessa», commenta il senatore Pd Stefano Esposito.



Sezioni: Rassegna Stampa
Aree: TRASPORTI
Parole chiave: cinghiale, roma, Guardie zoofile
Testate: Leggo