Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
SANITA' - Comunicati stampa
giovedì, 22 dicembre 2016

giovedì, 22 dicembre 2016

NATALE: SARDEGNA, GDF SEQUESTRA 4MLN GIOCATTOLI PERICOLOSI



CODACONS: SOTTO NATALE INVASIONE DI PRODOTTI CONTRAFFATTI E A RISCHIO SUL MERCATO ITALIANO. INTENSIFICARE I CONTROLLI. AI GENITORI APPELLO AD ACQUISTI SICURI






Ogni anno, in occasione del Natale, milioni di giocattoli contraffatti e pericolosi arrivano in Italia con evidenti rischi per la salute dei bambini. Lo dimostra il sequestro avvenuto in Sardegna, dove la Guardia di finanza nel corso dell'operazione "Natale sicuro" ha individuato 4 milioni di giocattoli e altri prodotti con marchi contraffatti o pericolosi.
"Chiediamo alle istituzioni competenti di incrementare i controlli natalizi su tutto il territorio italiano – afferma il presidente Codacons,  Carlo Rienzi – In vista delle feste, infatti, si registra nel nostro paese una vera e propria invasione di addobbi per la casa e giocattoli contraffatti, quindi pericolosi per la salute umana, che finiscono nelle case degli italiani”.
Il Codacons ha redatto inoltre un decalogo per aiutare i genitori a fare acquisti sicuri durante le feste di Natale:
1) Acquistate solo regali con i marchi di sicurezza IMQ e CE. Sia per prodotti elettrici (IMQ) che per gli altri regali è importante avere la massima garanzia della loro affidabilità. C' è anche il marchio 'Giocattoli Sicuri' dell' Istituto Italiano Sicurezza Giocattoli. Ovviamente i marchi possono essere facilmente contraffatti. Per questo occorre prestare attenzione anche ai punti successivi.
2) Non prendete doni troppo piccoli che possono essere ingoiati dai bambini. Attenti in particolare alle sorpresine contenute nei sacchetti di patatine o pop corn, solitamente sono molto piccoli e facilmente ingeribili.
3) Non comprate pupazzi con pezzi (braccia, gambe, testa) che possono essere facilmente staccati.
4) I giocattoli non devono avere parti appuntite o taglienti. Tutto deve essere arrotondato.
5) I materiali devono essere molto resistenti, altrimenti, sottoposti alle 'torture' dei bambini, possono improvvisamente rompersi e diventare pericolosi.
6) I materiali non devono essere tossici o facilmente infiammabili. E' uno dei punti meno facili da valutare per una persona inesperta. Attenti ad esempio alle bambole in plastica, spesso sono in PVC, una sostanza derivata dal cloro, con l' aggiunta di ammorbidenti che rendono il giocattolo morbido e duttile. Si teme che queste sostanze siano cancerogene ed il rischio aumenterebbe se il prodotto fosse ingerito. Privilegiate materiali naturali come le bambole in stoffa. In caso di peluche scegliete fibre naturali, come mohair, cotone, che siano lavabili. Lavatelo anche se nuovo, prima che il bambino ci possa giocare ed asciugatelo all' aria aperta per evitare che si formino muffe.
7) Controllate l' indicazione dell' età per la quale il gioco è consigliato e rispettatela (molti genitori considerando il figlio più intelligente degli altri o credendo di velocizzarne lo sviluppo intellettivo giocano d' anticipo, non considerando che l' età è indicata anche per una questione di sicurezza).
8) Controllate che la confezione sia integra.
9) Acquistate i doni solo in negozi di fiducia, mai da venditori ambulanti e non autorizzati. Acquistate solo giochi di ditte specializzate e note nella vendita di giocattoli per bambini. Non mettete in pericolo la sicurezza dei vostri bambini per risparmiare qualche soldo, piuttosto fate un regalo in meno.
10) Non assecondate sempre le richieste dei vostri figli, indotte spesso dalle pubblicità pressanti. Pensate innanzitutto al fatto che l' acquisto deve essere adatto e sicuro per vostro figlio.




Sezioni: Comunicati stampa
Aree: SANITA'
Parole chiave: carlo rienzi, sequestro, Sardegna, giocattoli , Natale