Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ECONOMIA & FINANZA - Comunicati stampa
martedì, 18 aprile 2017

martedì, 18 aprile 2017

NEGOZI, APERTURE DOMENICALI: CODACONS CONTRO DI MAIO



POLEMICA INUTILE, NEGOZI VANNO TENUTI APERTI 24 ORE SU 24 E SU BASE VOLONTARIA. SONO I CITTADINI A CHIEDERLO





Inutile per il Codacons la polemica sollevata da Di Maio sulle aperture domenicali dei negozi.
“Si tratta di questione vecchia di decenni e già ampiamente superata – spiega il presidente Carlo Rienzi – I negozi devono poter rimanere aperti la domenica e i giorni festivi, su base volontaria e lasciando agli esercenti e ai lavoratori la scelta sui giorni di chiusura. In un momento storico in cui i consumi delle famiglie sono diminuiti di 80 miliardi di euro in 7 anni, il commercio annaspa e la disoccupazione ha raggiunto livelli record, è impensabile porre vincoli e limitazioni che riducono il giro d’affari dei negozianti e tolgono ai consumatori possibilità di acquisto”.
“Al contrario – prosegue Rienzi – si deve andare verso la liberalizzazione totale, come avviene in altri paesi, con negozi aperti 24 ore su 24, perché sono gli stessi cittadini a chiederlo. La questione importante, semmai, è evitare situazioni di sfruttamento del lavoro e lasciare agli esercenti la libertà di scegliere se aprire le serrande la domenica e i giorni festivi”.



Sezioni: Comunicati stampa
Aree: ECONOMIA & FINANZA
Parole chiave: Di Maio, aperture domenicali , negozi, commercio, carlo rienzi