Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
AMBIENTE - Rassegna Stampa
lunedì, 20 marzo 2017
Corriere del Mezzogiorno

lunedì, 20 marzo 2017

Nel Cilento  domani va giù l' ecomostro mai completato




La primavera nel Cilento comincia con l' abbattimento di un ecomostro: domani infatti è prevista la demolizione della struttura prefabbricata in cemento e legno lamellare costruita dal Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, in località Aresta del comune di Petina nel 2001. Il cosiddetto ecomostro di Aresta nasce in alta montagna grazie alla concessione edilizia n. 15/2001, richiesta dall' Ente Parco e rilasciata dal comune di Petina , avente ad oggetto una struttura da adibire a ricovero per attrezzi Lsu. L' opera costruita solo in parte, venne sequestrata nel 2003, dissequestrata nel 2010 ed affidata al comune di Petina. Da allora costituisce il simbolo del degrado ambientale, considerato che la località Aresta è zona protetta del Parco del Cilento. Una serie di diffide partite dal Codacons Campania ha portato alla vittoria della battaglia ambientalista. Peccato solo che i costi della demolizione, circa 30 mila euro, ricadranno sulla collettività.
 



Sezioni: Rassegna Stampa
Aree: AMBIENTE
Parole chiave: Cilento , ecomostro
Testate: Corriere del Mezzogiorno