Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
VARIE - Codacons in azione
venerdì, 7 novembre 2014

venerdì, 7 novembre 2014

NOZZE GAY: RICORSO COLLETTIVO GRATUITO CONTRO IL DIVIETO DI TRASCRIZIONE DEI MATRIMONI CONTRATTI ALL ’ESTERO

Il Codacons lancia un ricorso collettivo al Tar del Lazio al quale possono aderire gratuitamente tutti i cittadini, gay o etero, finalizzato ad ottenere dinanzi al Tar del Lazio l’annullamento del provvedimento emesso dal Ministro dell’Interno.

 

E' NECESSARIO AGIRE SUBITO, ENTRO IL 25 NOVEMBRE 2014


Questa azione è scaduta, 
non è più possibile aderire




Il Ministro dell'Interno, Angelino Alfano, con circolare del 7 ottobre 2014 ha posto un veto alla trascrizione, nei registri dello stato civile, dei matrimoni tra persone dello stesso sesso celebrati all'estero, invitando i Sindaci a ritirare eventuali "direttive" di senso opposto nonché a cancellare le trascrizioni illegittimamente operate.

La circolare del 7.10.2014 dispone:“Le direttive che sono state date con provvedimenti dei sindaci, che prescrivono agli ufficiali di stato civile di provvedere alla trascrizione dei matrimoni celebrati all’estero tra persone dello stesso sesso non sono conformi alle leggi italiane. Non è possibile che ci si sposi tra persone dello stesso sesso, quindi se ci si sposa tra persone dello stesso sesso, quei matrimoni non possono essere trascritti nei registri dello stato civile italiano, per il semplice motivo che non è consentito dalla legge; ...”

 

Ma il provvedimento del Ministro viola le disposizioni comunitarie e, in quanto tale, è annullabile dinanzi al Tribunale Amministrativo.

 

Infatti, i provvedimenti dei sindaci che prevedono la trascrizione delle nozze gay contratte all’estero sono pienamente validi, perché non introducono in Italia l’istituto del matrimonio tra persone dello stesso sesso - circostanza che avrebbe contraddetto le attuali norme nazionali - ma si limitano a riconoscere i legami tra persone che rappresentano una coppia di fatto e che hanno contratto formale matrimonio all’estero, riconoscendo così il concetto di “vita familiare” in conformità di quanto previsto dalla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Per questi motivi, il Codacons scende in campo per la difesa dei diritti fondamentali dei cittadini chiedendo l'annullamento del provvedimento emesso dal Ministero dell'Interno e ribadendo, quindi, che il matrimonio tra persone dello stesso sesso celebrato all'estero può essere trascritto nei registri dello stato civile, poiché non è contrario all'ordine pubblico e non sussiste, né a livello di legislazione interna né nelle norme di diritto internazionale, un impedimento a riguardo. 

 

ADERISCI GRATUITAMENTE CON IL CODACONS PER CHIEDERE L'ANNULLAMENTO DELLA

CIRCOLARE MINISTERIALE DAVANTI AL TAR

 

Puoi partecipare:

 

1) se hai un interesse diretto all'annullamento della circolare del 7.10.2014  che impedisce la trascrizione del matrimonio tra persone dello stesso sesso contratto all'estero (in questo caso puoi inviarci il certificato di matrimonio contratto all'estero oppure l'eventuale certificazione di trascrizione nei registri di stato civile secondo quanto previsto dal d.p.r. 3 novembre 2000, n. 396).

 

2) se vuoi semplicemente sostenere la causa chiedendo l'annullamento del provvedimento emesso dal Ministero dell'Interno per garantire anche alle coppie omosessuali il riconoscimento di tutti i diritti previsti dal matrimnio adeguando l’Italia agli standard di civiltà e alle direttive europee. 

 

Per agire devi iscriverti all’Associazione e puoi scegliere tra due opzioni:

 

1.  ti puoi iscrivere gratuitamente (la tua quota di un euro verrà anticipata da Termilcons per poi essere rimborsata se e quando otterrai il risarcimento), quale socio per 1 anno, a partire dalla data della sottoscrizione dell’adesione, al Codacons, associazione iscritta nel registro delle Persone giuridiche ai sensi del D.P.R. 316/2000 al numero 73/2001, iscritta nel registro regionale delle organizzazioni del volontariato con provvedimento n. 14101 del 25.09.1996;

 

2.  oppure se vuoi fare un atto di solidarietà umana verso chi soffre puoi iscriverti versando con un sms solo €. 2,03 che comprende la quota di iscrizione come sostenitore e un contributo ALL'ASSOCIAZIONE MARY POPPINS (onlus che presta assistenza ai bambini ammalati di cancro e ricoverati nel reparto di Oncologia Pediatrica del Policlinico Umberto I di Roma).

 

Aderendo all’azione, OPTANDO PER UNA DELLE DUE SOLUZIONI SOPRA INDICATE, dunque, avrai diritto a:

 

1)  Iscrizione al Codacons, la più importante associazione di difesa dei diritti dei cittadini;

2)  L’invio al tuo indirizzo e-mail della procura alla lite per il conferimento dell’incarico fiduciario ai legali del Codacons, che dovrai firmare ed inviare con raccomandata a/r al seguente indirizzo Ter.Mil.Cons. casella postale 4170 00182 Roma unitamente all’ulteriore documentazione che ti sarà richiesta;

 

-        CLICCA QUI per partecipare all’azione gratuitamente

 

-        CLICCA QUI  per partecipare all’azione con donazione

 

CHE SUCCEDE DOPO CHE TI ISCRIVI? 

Successivamente all’iscrizione, riceverai una email con tutte le relative istruzioni e la domanda di iscrizione all’Associazione 

E’ importante per ogni successivo contatto indicare l’indirizzo e-mail ed il numero di telefono corretti. 

Ogni adesione pervenuta dopo la data di scadenza non sarà ritenuta valida e non verrà restituita la quota associativa versata.

Una volta perfezionata l’adesione, ogni successiva comunicazione avverrà esclusivamente attraverso email collettive indirizzate a tutti coloro che vi hanno preso parte nei tempi e nei modi indicati.

Questa azione è scaduta, 
non è più possibile aderire




Sezioni: Codacons in azione
Aree: VARIE, COME DIFENDERSI, CLASSACTION
Parole chiave: MATRIMONIO, nozze gay, gay, omosessuali, Alfano