Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
SANITA' - Comunicati Stampa Consumernews
giovedì, 11 febbraio 2010

giovedì, 11 febbraio 2010

OCCHIALI 3D: SEQUESTRI IN CALABRIA DA PARTE DEI NAS

Mentre proseguono i controlli da parte dei Nas sugli occhialini per la visione dei film in 3D al cinema, che hanno portato - dopo la denuncia del Codacons - ad una serie di sequestri in Calabria, l'associazione critica oggi l'operato del Ministero della Salute.
"Il Ministero tarda a fornire indicazioni precise sull'argomento, e così facendo impedisce ai Nas di agire con celerità - spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - Non si capisce infatti se gli occhialini 3D rientrino o meno nella categoria "occhiali', per la quale la normativa vigente prevede il marchio "CE' obbligatorio. A nostro avviso non c'è dubbio si tratti di occhiali, essendo così definiti tutti quelli oggetti che si interpongono tra la pupilla e l'oggetto da vedere'.
Per tale motivo il Codacons diffida il dicastero a fornire informazioni certe in tempi rapidi, e invita i Nas a continuare con i controlli ed i sequestri, al fine di tutelare la salute degli spettatori.
Crescono infatti le segnalazioni dei cittadini (reperibili sul blog www.carlorienzi.it) che denunciano problemi dopo la visione di film in 3D.
A titolo esemplificativo se ne riportano alcune:

    * "ho assistito ieri (04/02/2010) alla proiezione del film avatar in 3d nel cinema odeon multiscreen di roma . gli occhiali forniti dal cinema era in prestito, ci hanno dato delle salviettine per pulirli, ma erano davvero molto sporchi. Appena indossati ho avvertito immediatamente una sensazione di vertigini e nausea molto forti. dopo poco è subentrato anche un forte mal di testa. Pensavo fosse solo un mio problema, ma sia le persone che erano con me che gli altri spettatori hanno lamentato gli stessi fastidi'.

    * "Ieri, anch'io ho visto AVATAR in 3D al Cinepolis del centro commerciale "Campania' a Caserta e subito indossati gli occhialini ricevuti tutti sporchi e senza nulla per pulirli, sono stata male. E' iniziato con un forte mal di testa e poi la nausea che ho avuto anche per tutta la giornata di oggi. Non andrò mai più a vedere un film in 3D'.
    * Anch'io ieri sera sono andato a vedere Avatar, come molti di voi, in un multisala a Firenze (UCI). Il film è stato bellissimo ma non posso dire altrimenti per la visione che ho avuto con gli occhialini… Devo pur dire che sia per me che per la mia ragazza era la prima volta che assistevamo ad una proiezione in 3D ma devo dirvi anche che già da 10 minuti dopo averli indossati ho avuto un forte senso di nausea e successivamente anche mal di testa. Avrei voluto abbandonare la sala, ma per l'amore e il rispetto che riservo al mondo cinematografico e la bellezza del film sono rimasto… sono passate ormai 12 ore dalla fine del film e ho ancora nausea, per fortuna non più il mal di testa. La mia ragazza invece ha avvertito un po' di nausea ma avuto forti giramenti di testa… che si sono protratti anche dopo l'uscita dalla sala'.

 



Sezioni: Comunicati Stampa Consumernews
Aree: SANITA', SPETTACOLO & MODA
Parole chiave: avatar, carabinieri, carlo rienzi, cinema, cinematografiche, film, marchio, nausea, occhiali, sale, vertigini