Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ECONOMIA & FINANZA - Comunicati stampa
martedì, 11 aprile 2017

martedì, 11 aprile 2017

OCSE: ITALIA QUINTA PER TASSE SU SALARI, CUNEO A 47,8%



CODACONS: LAVORATORI ITALIANI TARTASSATI. DA GOVERNI SOLO ANNUNCI SPOT: NULLA E’ STATO FATTO PER RIDURRE LA PRESSIONE FISCALE SUI SALARI






L’Italia perde nettamente il confronto internazionale sulla pressione fiscale relativa ai salari. Lo afferma il Codacons, commentando i dati Ocse che vedono il nostro paese occupare il quinto posto per la più alta tassazione sul lavoro, con un cuneo fiscale al 47,8%, quasi 12 punti sopra la media Ocse del 36%.
“I lavoratori italiani sono letteralmente “tartassati” dalla pressione fiscale rispetto a quelli degli altri paesi industrializzati – denuncia il Presidente Carlo Rienzi – La tassazione sui salari è abnorme e contribuisce a impoverire il ceto medio, ma la cosa più grave è che gli italiani sono stati presi in giro: tutti i governi che si sono succeduti negli ultimi anni  avevano promesso una riduzione delle tasse specie sul fronte salariale. Annunci “spot” ai quali non sono seguiti fatti concreti, perché nella realtà nulla è stato fatto e la pressione fiscale in Italia continua ad essere tra le più alte del mondo, come ha dimostrato oggi l’Ocse” – conclude Rienzi.




Sezioni: Comunicati stampa
Aree: ECONOMIA & FINANZA
Parole chiave: ocse, salari, pressione fiscale, tasse, carlo rienzi