Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
CLASSACTION - Rassegna Stampa
sabato, 15 aprile 2017
Avvenire

sabato, 15 aprile 2017

Ok a class action contro il Comune




A l via una class action da oltre mezzo milione di euro contro il Comune di Milano. Il Tribunale del capoluogo lombardo ha dichiarato ammissibile l' azione legale promossa dal Codacons a difesa delle famiglie che avevano subìto un vero e proprio saccheggio di opere dalle tombe del cimitero Monumentale. Il fatto risale a poco più di un anno fa: nella notte tra il 16 e il 17 marzo 2016 vennero registrati infatti ben 31 furti; tra le opere rubate c' erano anche i busti della tomba Ascari. Due anni prima altre razzie avevano riguardato, invece, le edicole Cella e l' Omino di Hiroshima, che venne sottratto dalla tomba di Roberto Crippa. Erano poi svaniti il recinto in bronzo della tomba Toeplitz e il cancello dell' edicola Erba. Per il Codacons l' ordinanza del Tribunale di Milano segna un importante passo avanti verso una giustizia capace di dar seguito ai problemi più sentiti dalle persone e dai consumatori. «Per la prima volta in Italia viene ammessa un' azione risarcitoria contro una pubblica amministrazione - afferma l' associazione -, ma finalmente, questa ordinanza sembra aprire le porte alle istanze dei consumatori». Insomma, questa decisione «potrebbe rappresentare il vero punto di partenza che consentirà allo strumento della class action di diventare veramente uno strumento capace di dar voce e tutelare tutti i consumatori».



Sezioni: Rassegna Stampa
Aree: CLASSACTION
Parole chiave: Milano, class action, cimitero, Monumentale
Testate: Avvenire