Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ALIMENTAZIONE - Codacons in azione
venerdì, 13 novembre 2015

venerdì, 13 novembre 2015

OLIO (NON EXTRAVERGINE) D'OLIVA: IL CODACONS IN DIFESA DEI CONSUMATORI

L’Associazione presenterà per tutti coloro che si iscriveranno gratuitamente la nomina di persone offesa presso le Procure della Repubblica che stanno indagando. Si tratta del primo passo per chiedere un risarcimento in caso di apertura del processo a danno delle aziende coinvolte



I FATTI. Gli ingredienti del maggiore scandalo alimentare della nostra storia recente sembravano, all'apparenza, trascurabili: l'interessamento di una piccola rivista specializzata, una serie di test sui prodotti e - infine - l'invio di una segnalazione al procuratore Guariniello. Eppure, sono bastati a travolgere i principali marchi dell'industria olearia italiana: Carapelli, Bertolli, Sasso, Santa Sabina, Coricelli, Antica Badia e Primadonna. Lo ha certificato il laboratorio chimico di Roma dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: se le etichette, sugli scaffali dei supermercati, parlavano di "olio extravergine di oliva", le bottiglie delle aziende in questione contenevano olio di categoria 2, semplice “olio vergine”, meno pregiato e soprattutto (almeno del 30%) meno costoso.

LE INDAGINI. L’inchiesta giudiziaria, avviata dalla procura di Torino in collaborazione con i NAS dei Carabinieri, ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati dei rappresentanti legali delle aziende coinvolte. Tra i reati contestati non c'è “solo” la frode in commercio, ma anche la “vendita di prodotti industriali con segni mendaci atti ad indurre in inganno il compratore sulla qualità del prodotto”. Anche per questo, è stato disposto il trasferimento del fascicolo per competenza territoriale alle procure di Firenze, Genova, Spoleto e Velletri, vale a dire le aree dove gli oli incriminati vengono prodotti.

L'INIZIATIVA CODACONS. Se saranno confermati gli illeciti contestati, sarà inevitabile una azione risarcitoria nei confronti delle aziende scorrette. Emergerebbe in tutta chiarezza, infatti, il duplice danno inflitto ai consumatori che hanno acquistato confezioni di olio “ingannevole”: quello morale, derivante dall’inganno subito e dalla lesione della propria buona fede, e quello economico, conseguenza del prezzo maggiore del prodotto a fronte di caratteristiche inferiori a quelle promesse.

Per il momento l'Associazione presenterà, per tutti coloro che si iscriveranno gratuitamente cliccando qui, la nomina di persona offesa presso le procure incaricate delle indagini.

Chi volesse sostenerci nella campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins (www.assomarypoppins.it), che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma può, invece, iscriversi cliccando qui. L’iscrizione avverrà tramite l’invio di un sms, dal costo onnicomprensivo di 2,03 euro, al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS SOLIDALE.




Sezioni: Codacons in azione
Aree: ALIMENTAZIONE, COME DIFENDERSI, CLASSACTION
Parole chiave: