Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ECONOMIA & FINANZA - Comunicati stampa
venerdì, 14 aprile 2017

venerdì, 14 aprile 2017

PASQUA: ITALIANI SPENDERANNO 1,1 MILIARDO DI EURO PER IMBANDIRE LE TAVOLE. SPESA IN AUMENTO DEL +4,5%



31,7 MILIONI DI UOVA DI CIOCCOLATO E CIRCA 27 MILIONI DI COLOMBE NELLE CASE DEGLI ITALIANI. MA DOLCI E CIOCCOLATA QUEST’ANNO SONO “SALATI”






1,1 miliardo di euro tra alimenti, bevande e dolciumi vari. Questa la spesa che affronteranno gli italiani per imbandire le tavole in occasione della festività di Pasqua.
“La spesa delle famiglie per la Pasqua subirà quest’anno un sensibile incremento rispetto al 2016, dovuto essenzialmente alla raffica di rincari che da inizio 2017 ha interessato il comparto alimentare, a causa del maltempo e delle speculazioni – spiega il presidente Carlo Rienzi – A pesare anche il caro-carburante, con effetti a catena sui prodotti trasportati e in generale sui listini al dettaglio. Una situazione che porterà la spesa degli italiani per la Pasqua ad aumentare mediamente del +4,5% rispetto allo scorso anno”.
In base ai dati Codacons, che come ogni anno realizza il monitoraggio ufficiale sui consumi pasquali, gli italiani spenderanno complessivamente quasi 1,1 miliardo di euro per imbandire le tavole a Pasqua: non mancheranno agnello, salumi, uova, nel rispetto della tradizione a cui le famiglie non intendono rinunciare nonostante i forti rincari dei prezzi.
31,7 milioni di uova di cioccolato e circa 27 milioni di colombe arriveranno nelle case degli italiani, ma saranno dolci “salati”: mediamente quest’anno un uovo di cioccolato costa il 7% in più rispetto al 2016, mentre per la colomba i rincari medi sono del +6%.
“Ancora una volta a vincere sarà la tradizione e gli italiani, nonostante i forti rialzi dei prezzi nel settore alimentare, non rinunceranno al classico pranzo di Pasqua in famiglia, malgrado la situazione attuale determinerà per le tasche dei consumatori un maggior esborso in media del +4,5% rispetto al 2016” – conclude Carlo Rienzi.



Sezioni: Comunicati stampa
Aree: ECONOMIA & FINANZA
Parole chiave: pasqua, prezzi, carlo rienzi