Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ECONOMIA & FINANZA - Comunicati stampa
martedì, 3 gennaio 2017

martedì, 3 gennaio 2017

PETROLIO: SUPERA 55 DOLLARI, MASSIMI DA LUGLIO 2015



CODACONS: RINCARI RECORD PER CARBURANTI, PREZZO GASOLIO VOLA A +11,3%. 2017 SI APRE CON STANGATA PER AUTOMOBILISTI ITALIANI: UN PIENO COSTA 7,2 EURO IN PIU’ RISPETTO AL 2016






Le quotazioni petrolifere al rialzo, con il greggio Wti che ha superato quota 55 dollari al barile e il Brent  salito fino a 58,37 dollari, stanno determinando sensibili aumenti dei prezzi di benzina gasolio su strade e autostrade del nostro paese. Lo denuncia il Codacons, che parla senza mezzi termini di “stangata di inizio anno” per gli automobilisti italiani.
“Rispetto allo stesso periodo del 2016, oggi la benzina presso i distributori costa mediamente il 7% in più, mentre il gasolio vola a quota +11,3% - spiega il presidente Carlo Rienzi – Incrementi dei listini che hanno effetti diretti sulle tasche dei consumatori: per un pieno di diesel si spendono infatti 7,2 euro in più rispetto lo scorso anno; +5,1 euro per la benzina”.
“La categoria degli automobilisti, tra incrementi dei pedaggi autostradali, delle multe e dei carburanti, è senza dubbio la più tartassata di inizio 2017 – prosegue Rienzi – Il Governo deve assolutamente intervenire, sterilizzando i rincari e riducendo la folle tassazione sui carburanti che pesa oramai per il 70% su ogni litro di benzina e gasolio acquistato dagli automobilisti”.



Sezioni: Comunicati stampa
Aree: ECONOMIA & FINANZA, TRASPORTI, AUTO MOTO
Parole chiave: benzina , Carlo Rienzi, petrolio, gasolio, carburanti