Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
PROGETTI - Progetti Codacons
mercoledì, 29 aprile 2015

mercoledì, 29 aprile 2015

Progetto FISCODACONS

Progetto FISCODACONS

Partners del progetto

CODACONS - www.codacons.it 
GUARDIA DI FINANZA - www.gdf.gov.it/GdF/it/Home/







DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il Codacons, in collaborazione con la Guardia di Finanza ha ideato e realizzato il progetto FISCODACONS nell’ottica di fornire un’adeguata trasparente informativa a tutti i consumatori sulle tematiche riguardanti i documenti fiscali, che in genere devono essere emessi a fronte della cessione di beni o della prestazione di servizi: fattura, ricevuta fiscale e scontrino fiscale nonché in materia di commercializzazione di beni contraffatti, nell’ottica di una campagna di sensibilizzazione alla lotta all’evasione fiscale e alla contraffazione.

EVASIONE FISCALE

L'I.V.A. (“imposta sul valore aggiunto”) è un'imposta sui consumi che si applica sulle cessioni di beni e sulle prestazioni di servizi, effettuate all’interno del territorio dello Stato dagli operatori economici nell’esercizio di impresa, arte o professione. Tale imposta grava sempre sul consumatore finale anche se è versata allo Stato dall’imprenditore, artigiano o professionista che fornisce il servizio o cede il bene.

Un’operazione è rilevante ai fini I.V.A. (e quindi deve essere documentata da una fattura, uno scontrino o una ricevuta fiscale) quando si realizzano, contemporaneamente, i seguenti tre presupposti:

  • oggettivo: le operazioni debbono riguardare la cessione di beni o prestazioni di servizi;
  • soggettivo: le operazioni debbono essere effettuate da imprese, artisti, o professionisti nell’esercizio della propria attività;
  • territoriale: le operazioni devono essere effettuate nel territorio della Repubblica.


I soggetti passivi, salvo particolari eccezioni, devono certificare le operazioni effettuate, se rientranti nel campo di applicazione dell’I.V.A., attraverso uno dei seguenti documenti (file in formato .pdf):

 
  • scontrino e ricevuta fiscale (clicca qui);
  • la fattura (clicca qui);
  • la ricevuta fiscale (clicca qui);
  • lo scontrino fiscale (clicca qui).
  • Esercizi NON tenuti al rilascio dei documenti di accompagnamento (clicca qui)
  • Ricevute e scontrini fiscali: esoneri (clicca qui)
  • Conseguenze del mancato rilascio dei documenti di accompagnamento (clicca qui);
  • Il ruolo del consumatore (clicca qui);
  • Denuncia chi non ti rilascia lo scontrino, la fattura o la ricevuta fiscale (clicca qui)


CONTRAFFAZIONE

La contraffazione è un reato

L’art. 473 c.p. - rubricato Contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell'ingegno o di prodotti industriali - così statuisce:“Chiunque, potendo conoscere dell’esistenza del titolo di proprietà industriale, contraffà o altera marchi o segni distintivi, nazionali o esteri di prodotti industriali, ovvero chiunque, senza essere concorso nella contraffazione o alterazione, fa uso di tali marchi o segni contraffatti o alterati, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 2.500 a euro 25.000.
Soggiace alla pena della reclusione da uno a quattro anni e della multa da euro 3.500 a euro 35.000 chiunque contraffà o altera brevetti, disegni o modelli industriali nazionali o esteri, ovvero, senza essere concorso nella contraffazione o alterazione, fa uso di tali brevetti, disegni o modelli contraffatti o alterati. I delitti previsti dai commi primo e secondo sono punibili a condizione che siano state osservate le norme delle leggi interne, dei regolamenti comunitari e delle convenzioni internazionali sulla tutela della proprietà intellettuale o industriale."

In buona sostanza, quando si parla di contraffazione, si fa riferimento alla:

 
  • produzione e commercializzazione di merci che recano - illecitamente - un marchio identico ad un marchio registrato;
  • produzioni di beni che costituiscono riproduzioni illecite di prodotti coperti da copyright - fenomeno meglio conosciuto con il nome di "pirateria" - modelli o disegni.

Per maggiori informazioni: https://siac.gdf.it/progetto/Pagine/default.aspx

  • Sanzioni per chi acquista beni contraffatti (clicca qui - file formato .pdf)



Sezioni: Progetti Codacons
Aree: PROGETTI, COME DIFENDERSI
Parole chiave: Guardia di Finanza, normativa fiscale, scontrini, fatture, documenti fiscali, evasione fiscale