Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
CLASSACTION - Codacons in azione
mercoledì, 25 maggio 2016

mercoledì, 25 maggio 2016

INGIUSTAMENTE PENALIZZATA LA CLASSE DI CONCORSO A-66: IL CODACONS INTERVIENE A TUTELA DEI DOCENTI PRECARI COINVOLTI!

L'Associazione avvia un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica per garantire ai docenti precari della classe A-66 la possibilità di continuare a insegnare e di ottenere l'immissione in ruolo



I FATTI. Il DPR N. 19/2016 preclude ai docenti precari che hanno già conseguito il titolo abilitante TFA/PAS per le classi di concorso ex 75/A e 76/A (ora accorpate nella nuova classe di concorso A-66) la possibilità di insegnare, prima ancora che la possibilità di essere assunti a tempo indeterminato quali docenti delle materie per le quali hanno conseguito regolare abilitazione. Infatti, proprio a seguito della classificazione di queste classi come “a esaurimento”, non verrà mai più bandito alcun concorso pubblico per assumere a tempo indeterminato il personale docente abilitato; e al contempo, l’abilitazione tramite PAS o TFA impedisce anche l'inserimento nelle graduatorie a esaurimento, utilizzate per le assunzioni a tempo indeterminato (nel limite del 50% dei posti disponibili).

IL DECRETO. L'ingiustizia e l'illogicità delle disposizioni contenute nel DPR 19/2016 - che contrastano palesemente con le esigenze di razionalizzazione e contenimento della spesa pubblica - sono evidenti. Basti pensare che, qualora questi docenti volessero continuare ad insegnare, dovrebbero conseguire (a proprie spese!) un ulteriore titolo abilitativo. Non solo: nonostante queste classi di concorso risultino analoghe, per piano di studi e insegnamenti previsti, alla classe di concorso ex A/42 ora A-41 “Informatica”, non gli sono state accorpate: ne deriva un’evidente disparità di trattamento fra coloro che hanno conseguito un titolo abilitante TFA/PAS e sono attualmente collocati in una classe di concorso che col tempo non esisterà più, e i docenti che hanno ottenuto il titolo abilitante per la classe di “Informatica”, tutt’oggi esistente, che a parità di merito gli sono (e saranno) preferiti.

Senza contare che il decreto in questione contrasta con la normativa di merito: il D. Lgs. 297/94, infatti, stabilisce che “nei casi di modifica di ordinamenti scolastici ovvero di programmi di insegnamento, i docenti di materie non più previste e comunque diversamente denominate o raggruppate, sono assegnati dal Ministero della pubblica istruzione, su conforme parere del Consiglio nazionale della pubblica istruzione, a materia o gruppo di materie affini, conservando a tutti gli effetti lo stato giuridico ed economico in godimento”.

L'INIZIATIVA CODACONS. L’iniziativa del Codacons è finalizzata ad ottenere, tramite un ricorso straordinario al Capo dello Stato, la corretta classificazione delle classi di concorso oggi a esaurimento e l’accorpamento della nuova classe di concorso A-66 con la classe di concorso A-41 di “Informatica”. Ne deriverebbe, in questo modo, la possibilità di continuare a insegnare, di partecipare ai concorsi per l’assunzione a tempo indeterminato e, quindi, di ottenere l'immissione in ruolo.

PER ADERIRE. Per conoscere le modalità di adesione puoi scaricare senza impegno la modulistica necessaria cliccando qui. Il termine per l'arrivo nei nostri uffici della modulistica necessaria è fissato al 15 giugno 2016.




Sezioni: Codacons in azione
Aree: CLASSACTION
Parole chiave: CLASSE DI CONCORSO A-66, DOCENTI PRECARI, DPR 19/2016