Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
ECONOMIA & FINANZA - Codacons in azione
martedì, 29 settembre 2015

martedì, 29 settembre 2015

MEDICO ISCRITTI ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE TRA L'A.A. 1982/1983 E L'A.A. 1990/1991?

AGISCI A TUTELA DEI TUOI DIRITTI!

Lo Stato ha fatto a lungo “orecchie da mercante”, negando a questi medici l'adeguata remunerazione che gli spettava: oggi, con una giurisprudenza ormai favorevole, è possibile recuperare il dovuto insieme a interessi legali e rivalutazione monetaria




I FATTI. La vicenda è ormai nota: l’Italia non ha recepito tempestivamente le norme comunitarie che imponevano agli Stati membri di adottare le medesime misure nell’inquadramento dei medici chirurghi che frequentavano le Scuole di Specializzazione. La CEE, poi CE e dopo ancora Ue, ci ha provato più volte sin dalla metà anni ’70 ma niente. In Italia gli specializzandi non sono stati pagati, in nessun modo, fino ai primi anni ’90.


ADEGUATA REMUNERAZIONE? E pensare che legislazione europea, in materia, era chiarissima. La direttiva comunitaria del 1982 (82-76 CEE) aveva previsto peri medici che frequentavano un corso di specializzazione un'adeguata remunerazione. Eppure, nulla è avvenuto: l'Italia non recepì per tempo la normativa in questione, e quando lo ha fatto - peraltro parzialmente, con il D.Lgs. dell'8 agosto 1991, n.257, che ha stabilito per gli specializzandi iscritti a partire dall'anno accademico 1991/1992 un importo di lire 21.500.000 per ogni anno di specializzazione - nulla è stato riconosciuto in favore dei medici immatricolatisi negli anni precedenti.

Questa disposizione, in pratica, si applicava solamente in favore dei medici ammessi alle scuole di specializzazione a decorrere dall’a.a.1991/1992, ignorando nei fatti la condizione dei colleghi più “anziani”.


DIRITTI NEGATI. La giurisprudenza, sviluppatasi nel corso del tempo, ha stabilito il pieno diritto di questi medici al risarcimento dei danni per la mancata attuazione della direttiva comunitaria.

È proprio questa giurisprudenza sempre più favorevole ad aprire buone possibilità di recuperare il “dovuto”. Per tutelare gli interessi degli ex-specializzandi, quindi, l'Associazione avvia azioni collettive in favore di tutti i medici che non si sono ancora visti riconoscere quanto gli spetta.


Le iniziative legali avviate dall'Associazione mirano infatti a ottenere:

  • il risarcimento dei danni per la mancata attuazione da parte dello Stato italiano delle direttive comunitarie;

  • interessi legali e rivalutazione monetaria.


PER ADERIRE. Per aderire alla nostra iniziativa clicca qui. Avrai modo di scaricare, senza alcun impegno, la modulistica necessaria a darci incarico (dove potrai leggere le condizioni di adesione).





Sezioni: Codacons in azione
Aree: ECONOMIA & FINANZA, SANITA', COME DIFENDERSI, CLASSACTION
Parole chiave: medici ex specializzandi, causa medici, risarcimento medici, medici ex-specializzandi, medici specializzati