Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
SANITA' - Codacons in azione
lunedì, 2 febbraio 2015

lunedì, 2 febbraio 2015

RINVIATI A GIUDIZIO TRE EX DIRIGENTI ENPAM PER INVESTIMENTI A RISCHIO: BUCO NELLE PENSIONI DEI MEDICI DI 250 MILIONI

IL CODACONS TI OFFRE L'OPPORTUNITÀ DI COSTITUIRTI PARTE OFFESA NEL PROCEDIMENTO DAVANTI ALLA PROCURA DI ROMA PER RICHIEDERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO

AGISCI ENTRO E NON OLTRE IL 15 MARZO 2015



Alcuni investimenti in titoli tossici da parte degli ex dirigenti dell'Enpam, la cassa previdenziale dei medici, hanno provocato un danno di 250 milioni di euro alle casse dell'ente mettendo a rischio le pensioni di milioni di medici e odontoiatri italiani.


A scoprirlo sono state le indagini svolte dalla Guardia di finanza su incarico della Procura della Repubblica. In particolare dagli accertamenti è emerso che quasi tre miliardi di euro, che rappresentano il 77% dell’intero patrimonio immobiliare dell’Enpam e al 26% di quello totale, sarebbero stati investiti in maniera azzardata in prodotti derivati che per le loro caratteristiche presentavano un alto rischio di redditività e soprattutto senza segnalare le caratteristiche e l’andamento dei titoli in questione “inducendo in errore i componenti del cda che decidevano l’acquisto dei titoli, le successive ristrutturazioni dei medesimi, nonché il pagamento di onerose commissioni a consulenti e intermediari”.


L’inchiesta avviata due anni e mezzo fa, si è conclusa con il rinvio a giudizio per Maurizio Dall’Occhio, Leonardo Zongoli e Roberto Roseti, già dirigenti dell’Enpam accusati di truffa aggravata e ostacolo agli organi di vigilanza (ministero del lavoro e dell’ economia).


Al fine di tutelare pertanto i diritti dei medici italiani, la nostra Associazione offre la possibilità di costituirsi parte offesa nel procedimento penale davanti alla Procura di Roma per poi promuovere la costituzione di parte civile nel processo penale allo scopo di richiedere il risarcimento del danno patrimoniale e morale.


L’INIZIATIVA È RIVOLTA A TUTTI I MEDICI E ODONTOIATRI ISCRITTI ALL'ENPAM CHE VOGLIONO COSTITUIRSI PARTE OFFESA NEL PROCEDIMENTO PENALE DAVANTI ALLA PROCURA DI ROMA


Per agire devi iscriverti e puoi scegliere tra due opzioni:


1. ti puoi iscrivere gratuitamente (la tua quota di un euro verrà anticipata da Termilcons per poi essere rimborsata se e quando otterrai il risarcimento), quale socio per 1 anno, a partire dalla data della sottoscrizione dell’adesione, al Codacons, associazione iscritta nel registro delle Persone giuridiche ai sensi del D.P.R. 316/2000 al numero 73/2001, iscritta nel registro regionale delle organizzazioni del volontariato con provvedimento n. 14101 del 25.09.1996;


2. oppure se vuoi fare un atto di solidarietà umana verso chi soffre puoi iscriverti versando con un sms solo €. 2,03 che comprende la quota di iscrizione di 1,00 € come sostenitore e un contributo ALL'ASSOCIAZIONE MARY POPPINS (onlus che presta assistenza ai bambini ammalati di cancro e ricoverati nel reparto di Oncologia Pediatrica del Policlinico Umberto I di Roma).


Aderendo all’azione, OPTANDO PER UNA DELLE DUE SOLUZIONI SOPRA INDICATE, dunque, avrai diritto a:


  • Iscrizione al Codacons, la più importante associazione di difesa dei diritti dei cittadini;

  • L’invio sulla tua email:

    1. DELL’ATTO DI NOMINA QUALE PERSONA OFFESA NEL PROCEDIMENTO PENALE che potrai poi inviare tramite raccomandata a/r alla Procura della Repubblica di Roma allegando copia del tuo documento d’identità;

    2. le istruzioni per procedere alla nomina quale persona offesa nel procedimento penale.



  1. - CLICCA QUI per partecipare all’azione gratuitamente

  2. - CLICCA QUI per partecipare all’azione con donazione




Sezioni: Codacons in azione
Aree: SANITA', CLASSACTION
Parole chiave: ENPAM