Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
SCUOLA - Comunicati stampa
martedì, 10 gennaio 2017

martedì, 10 gennaio 2017

ROMA: ANCORA DISAGI NELLE SCUOLE A CAUSA DEL FREDDO



CODACONS PRESENTA ESPOSTO IN PROCURA PER INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO E INVITA COMUNE A RISARCIRE FAMIGLIE

GENITORI COSTRETTI A PRENDERE FERIE E PERMESSI PER BADARE AI FIGLI A CAUSA DELLE AULE IMPRATICABILI





La vicenda delle scuole fredde della capitale finisce alla Procura della Repubblica di Roma. Il Codacons, a seguito delle tante proteste ricevute da parte di studenti, insegnanti e genitori e considerato il perdurare dei disagi, presenterà oggi un esposto alla magistratura capitolina chiedendo di indagare per il reato di interruzione di pubblico servizio.
“L’impossibilità di frequentare gli istituti scolastici a causa delle temperature proibitive delle aule configura l’interruzione di un servizio pubblico quale è l’istruzione – spiega il presidente Carlo Rienzi – Per questo vogliamo sapere chi siano i responsabili di tale grave situazione e cosa abbia fatto il Comune di Roma per prevenire un disservizio così grave alla popolazione”.
E proprio contro l’amministrazione si scaglia il Codacons, che chiede al sindaco Raggi di risarcire le famiglie per i disagi e i danni subiti.
“Tra ieri e oggi molti genitori, non potendo lasciare i figli piccoli in asili e scuole gelide, sono stati costretti a riportare i bimbi a casa, ricorrendo a ferie e permessi sul lavoro o pagando baby sitter – prosegue Rienzi – Un costo enorme per le famiglie che ora il Comune di Roma dovrà risarcire, se non vuole ritrovarsi sommerso da azioni legali da parte dei genitori”.



Sezioni: Comunicati stampa
Aree: SCUOLA
Parole chiave: carlo Rienzi , roma, scuole, freddo