Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
SANITA' - Comunicati stampa
giovedì, 29 dicembre 2016

giovedì, 29 dicembre 2016

ROMA, CAPODANNO: TAR BLOCCA ORDINANZA RAGGI FATTA CON I PIEDI MA NON AUTORIZZA I BOTTI VIETATI





CODACONS RICORDA AI CITTADINI CHE SOLO I FUOCHI CON MARCHIO CE E INNOCUI POTRANNO ESSERE COMPRATI E DIFFIDA LE FORZE DELL'ORDINE A SEQUESTRARE E DENUNCIARE CHIUNQUE FACCIA USO DI BOTTI ILLEGALI


 



Il Tar del Lazio ha bocciato l'ordinanza del sindaco Raggi sui botti di Capodanno, ma non ha autorizzato l'utilizzo di fuochi d'artificio illegali. Lo precisa il Codacons commentando la decisione dei giudici amministrativi. 
"Il Tar ha bocciato il divieto varato dal Comune di Roma perché l'ordinazione era palesemente scritta male e quindi è risultata errata - spiega il presidente Carlo Rienzi - Questo però non equivale ad un via libera totale per petardi e altri esplosivi di fine anno: potranno infatti essere acquistati e utilizzati solo botti legali, con apposito marchio CE e rispettosi delle normative vigenti. Tutti gli altri rappresentano un pericolo per la pubblica incolumità e come tali restano vietati".
Per tale motivo il Codacons chiede oggi alle forze dell'ordine di eseguire controlli a tutto spiano nella capitale, allo scopo di sequestrare petardi e altro materiale esplodente illegale e sanzionare pesantemente chi vende tali prodotti e chi li acquista, denunciandoli penalmente, considerato che ogni anno la notte di Capodanno fa registrare centinaia di feriti e in alcuni casi anche vittime causati dai botti fuorilegge. 



Sezioni: Comunicati stampa
Aree: SANITA'
Parole chiave: Roma, Capodanno, Botti, Tar del Lazio, Carlo Rienzi