Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
VARIE - Comunicati stampa
martedì, 3 gennaio 2017

martedì, 3 gennaio 2017

ROMA, MCDONALD’S A BORGO PIO: CODACONS DEPOSITA RICORSO AL TAR DEL LAZIO



CHIESTA SOSPENSIONE DELL’AUTORIZZAZIONE RILASCIATA DAL COMUNE AL FAST FOOD. VIOLA LE DELIBERE DEL CONSIGLIO COMUNALE






L’ultima parola sull’apertura del McDonald’s a Borgo Pio spetta al Tar del Lazio. Il Codacons infatti, primo a scendere in campo contro il fast food e a tutela del centro storico della capitale, deposita domani un ricorso al Tar in cui si chiede ai giudici di sospendere l’autorizzazione rilasciata dal Comune di Roma per il punto vendita McDonald’s di Borgo Pio.
“Alla base del nostro ricorso, la violazione della delibera del Consiglio Comunale n. 35 del 2010, che vieta la trasformazione di esercizi di somministrazione caratterizzati da “cucina tradizionale” in esercizi di somministrazione della sola “cucina straniera”, con estensione di tale divieto anche alle nuove attivazioni – spiega il presidente Carlo Rienzi - Il Comune di Roma, inoltre, con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 2006, ha dettato una disciplina unitaria in tema di attività commerciali e artigianali nel perimetro della Città Storica, stabilendo che “Nelle zone di rispetto e nei Rioni Pigna, Colonna, Campo Marzio, Sant’Angelo, è vietata l’apertura di nuove attività di gelateria artigianale, di laboratori di pizzeria a taglio, rosticceria e friggitoria”. Ai sensi della medesima norma è esplicitamente compreso il rione Borgo (Municipio I – ex XVII)”.
“In sostanza l’amministrazione ha valutato che la tutela del patrimonio culturale, in alcune zone di Roma, rende necessario imporre il divieto di aprire nuovi esercizi commerciali di fast  food e altre catene, oltre a quelli già esistenti – prosegue Rienzi – Per tale motivo abbiamo deciso di ricorrere al Tar, ritenendo errata la decisione del Comune, e abbiamo chiesto di sospendere l’autorizzazione concessa al McDonald’s di Borgo Pio allo scopo di tutelare i residenti e il centro storico di Roma”.



Sezioni: Comunicati stampa
Aree: VARIE
Parole chiave: McDonaldâs, borgo pio, carlo rienzi, tar del lazio, roma