Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
VARIE - Comunicati stampa
martedì, 27 dicembre 2016

martedì, 27 dicembre 2016

ROMA, NATALE FLOP NELLA CAPITALE. CALANO PRESENZE TURISTI E SPESE FAMIGLIE (-5,5%)



CODACONS: E’ ALLARME PER CAPODANNO, DEGRADO ALLONTANA TURISTI STRANIERI. MENTRE AL MERCATO DELLA BEFANA DI PIAZZA NAVONA REGNA L’ANARCHIA




Un Natale “flop” nella capitale sul fronte delle vendite e delle presenze dei turisti. Lo afferma il Codacons, che lancia l’allarme per la festa di Capodanno e denuncia l’anarchia che regna in Piazza Navona.
“Un Natale così sottotono a Roma non si viveva da molti anni – spiega il presidente Carlo Rienzi – Rispetto allo scorso anno i consumi natalizi hanno segnato un calo generalizzato del -5,5%, contro una media nazionale del -2,3%, con le famiglie romane che hanno tagliato i regali, le spese per gli addobbi e gli acquisti in tutti i settori. Gli unici comparti che a Roma hanno fatto segnare vendite con segno positivo sono stati gli alimentari (+4%) e i giocattoli (+3%). A soffrire in modo particolare sono stati i piccoli negozi e le periferie, dove la contrazione delle vendite per l’abbigliamento ha raggiunto addirittura quota -30%”.
Malissimo anche il turismo – prosegue il Codacons – con gli alberghi che non hanno superato il 50% di stanze prenotate, in forte calo rispetto agli anni passati.
“La situazione di grave degrado che caratterizza Roma allontana i turisti dalla città, spingendoli verso altre capitali europee – aggiunge Carlo Rienzi – Si teme ora anche per Capodanno, perché le difficoltà organizzative dell’amministrazione non aiuteranno certo il turismo e disincentiveranno le presenze. In tale quadro,  emblematica è la situazione del mercatino della Befana di Piazza Navona, dove regna la totale anarchia: pochi stand aperti, scarsissima affluenza di pubblico e totale spregio delle regole, con gazebi che si limitano a vendere merce al pubblico nonostante i divieti contenuti nel bando”.



Sezioni: Comunicati stampa
Aree: VARIE
Parole chiave: Capodanno , roma, piazza navona, carlo rienzi