Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
CLASSACTION - Codacons in azione
lunedì, 30 gennaio 2017

lunedì, 30 gennaio 2017

CODACONS per la Regione Lazio


SEI RESIDENTE NELLA REGIONE LAZIO E VUOI STIPULARE UN CONTRATTO DI CONVIVENZA PER REGOLARE IL REGIME PATRIMONIALE CON IL TUO PARTNER? RIVOLGITI AL CODACONS!

Un pool di avvocati sarà a tua disposizione per stipulare il contratto di convivenza con il tuo partner (omosessuale o eterosessuale) più adatto alle tue esigenze e registrarlo all’ufficio anagrafe del Comune della Regione Lazio di residenza della coppia



La Legge 20 maggio 2016 n. 76, che ha istituito nell’ordinamento italiano le unioni civili tra persone dello stesso sesso, ha introdotto agli artt. 50, 51, 52 e 53, anche il nuovo istituto giuridico della convivenza di fatto, costituita da due persone maggiorenni, sia di sesso diverso che dello stesso sesso, unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità, adozione, ovvero non legate tra loro da un matrimonio o da un’unione civile.


E’ UN REQUISITO INDISPENSABILE DELLA CONVIVENZA DI FATTO LA COABITAZIONE, dimostrata con l’iscrizione di residenza delle due persone nella stessa famiglia anagrafica (art. 1, comma 37 L. 76/2016; art. 4 del D.P.R. 223/1989, art. 13 comma 1 lettera b D.P.R. 223/1989).


Coloro che intendono costituire una convivenza di fatto e sono già anagraficamente residenti come unico nucleo familiare (devono risultare sullo stesso stato di famiglia), non devono presentare alcuna domanda o dichiarazione, in quanto, il legame affettivo di coppia, è già compreso tra quegli elementi costitutivi della famiglia anagrafica elencati nel regolamento di cui al D.P.R. 223/1989.


I CONVIVENTI di fatto in possesso dei sopra indicati requisiti, POSSONO REGOLARE I RECIPROCI RAPPORTI PATRIMONIALI MEDIANTE UN CONTRATTO DI CONVIVENZA, da stipulare con atto pubblico o scrittura privata autenticata presso un notaio o un avvocato che deve necessariamente attestare anche la conformità del contratto alla legge ed all’ordine pubblico.

COSA VUOL DIRE REGOLAMENTARE IL REGIME PATRIMONIALE DELLA COPPIA?


Vuol dire innanzitutto stabilire le modalità dell’impegno reciproco di contribuire alle necessità del ménage mediante la corresponsione (periodicamente o una tantum) di somme di denaro, ovvero tramite la messa a disposizione di propri beni o della propria attività lavorativa, eventualmente anche soltanto domestica;

la coppia può scegliere di adottare, durante la convivenza, il regime di comunione dei beni e, quindi, tutti gli acquisti effettuati durante la convivenza saranno – DOPO LA STIPULA DEL CONTRATTO E LA TRSMISSIONE ALL’UFICIO ANAGRAFE DEL COMUNE – in regime di comunione come previsto dagli artt. 177 e ss C.C.

La comunione legale come regime patrimoniale generale dei conviventi, pertanto, si instaurerà con la sottoscrizione del contratto di convivenza e sarà opponibile ai terzi con l’iscrizione negli atti anagrafici, come previsto dal comma 52 Legge 20 maggio 2016 n. 76.


Dopo la stipula, l’avvocato (o il notaio) deve trasmettere una copia del contatto entro 10 gg. al comune di residenza dei conviventi, affinché venga registrato in anagrafe.

Ricevuta in questo modo la copia del contratto, l’Ufficio provvederà a registrare nelle schede anagrafiche dei conviventi: la data ed il luogo di stipula del contratto, il nome dell’avvocato (o del notaio), la data di trasmissione al Comune di residenza del contratto.

La copia del contratto sarà conservata agli atti dell’ufficio e da quel momento, sul certificato di stato di famiglia risulteranno, oltre alle generalità dei conviventi di fatto, anche gli estremi del contratto di convivenza (luogo e la data di stipula, nominativo del professionista incaricato, numero di protocollo e data di trasmissione della copia al comune).


SE ANCHE TU VUOI REGOLARE I TUOI RAPPORTI PATRIMONIALI

CON IL TUO PARTNER


ISCRIVITI AL CODACONS ED INVIA LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE:

  1. CERTIFICATO DI RESIDENZA DI ENTRAMBI I SOGGETTI;

  2. COPIA CARTA DI IDENTITA’ DI ENTRAMBI;

  3. COPIA CODICE FISCALE DI ENTRAMBI.

  4. DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE CHE SI VUOLE REGOLAMENTARE CON IL CONTRATTO


Dopo l’esame preliminare, verrai contattato da un legale del Codacons per l’esame della fattibilità. A quel punto potrai decidere di agire con un Avvocato di tua fiducia o un Notaio, o redigere con un Avvocato del Codacons il contratto di convivenza, al costo omnicomprensivo di €. 700,00.

PER ADERIRE: iscriviti al Codacons cliccando qui: l’iscrizione avviene tramite l'invio di un SMS al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS 2017, di cui una parte destinata:

  • alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma;

  • all’Istituto Internazionale di Scienze Mediche Antropologiche e Sociali I.I.S.M.A.S. www.iismas.it attivo nel campo della ricerca medica a favore delle popolazioni più povere dell’Africa, dell’America Latina e del Sud-Est asiatico.





Sezioni: Codacons in azione
Aree: CLASSACTION
Parole chiave: contratto di convivenza