Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
CLASSACTION - Codacons in azione
giovedì, 7 aprile 2016

giovedì, 7 aprile 2016

ALLARME STAFILOCOCCO AL SAN CAMILLO DI ROMA: IL CODACONS INTERVIENE PER FARE CHIAREZZA!

L'Associazione deposita un esposto presso la Procura della Repubblica e mette a disposizione dei genitori dei bambini contagiati una querela, atto necessario per l'avvio di un procedimento



I FATTI. Sedici bambini, di cui 11 infetti e 5 positivi, e 17 operatori «colonizzati» dallo stafilococco aureo nel reparto di Neonatologia dell’ospedale San Camillo di Roma. È esploso così, nel mese di marzo (ma i fatti risalgono a febbraio), l'ennesimo “giallo” relativo a virus in corsia; un caso ancor più eclatante, stavolta, per la denuncia del vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio, Francesco Storace, che ha parlato di un reparto che “non sarebbe stato chiuso e disinfettato come misura di profilassi, al pari di quanto è, invece, accaduto in altre strutture sanitarie”, e di vertici aziendali e dirigenti medici che “non avrebbero né segnalato il caso né provveduto ad adottare le prassi consuete tese all’isolamento e al controllo dei soggetti portatori del germe”. Cos'è accaduto, insomma, al San Camillo? E perché, soprattutto, un batterio che può causare gravi malattie (meningite, endocardite, necrolisi epidermica tossica, polmonite) ha contagiato pazienti e personale sanitario?

L'INIZIATIVA CODACONS. Proprio per vederci chiaro, e contribuire a ricostruire i fatti e le responsabilità nell'interesse degli utenti, il Codacons ha avviato le dovute iniziative legali. In primo luogo depositando presso la Procura della Repubblica di Roma un esposto (di cui riceverà copia chi sceglierà di aderire all'iniziativa dell'Associazione) teso appunto a fare chiarezza su un episodio - di per sé - decisamente inquietante. Inoltre, mettendo a disposizione dei genitori dei bambini coinvolti una querela, atto necessario perché si proceda ai dovuti approfondimenti ed - eventualmente - all'individuazione dei responsabili.


Se sei tra i genitori coinvolti e vuoi aderire alla nostra iniziativa clicca qui. Successivamente, sarai ricontattato dai nostri legali per procedere alla stesura della querela.




Sezioni: Codacons in azione
Aree: CLASSACTION
Parole chiave: san camillo, stafilococco, storace