Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
CLASSACTION - Codacons in azione
martedì, 19 aprile 2016

martedì, 19 aprile 2016

CODACONS per la Regione Liguria


SVERSAMENTO DI PETROLIO A GENOVA: IL CODACONS IN DIFESA DELL'AMBIENTE E DEI CITTADINI!

L'Associazione si costituisce parte offesa e mette a disposizione degli interessati la nomina individuale, necessaria per avanzare un'eventuale richiesta di risarcimento danni



I FATTI. L'emergenza ambientale, improvvisa, è stata annunciata da un boato. Poi è arrivato un forte odore di petrolio, come hanno raccontato i testimoni, e l'acqua è diventata scura. Migliaia di litri di greggio sono fuoriusciti domenica 17 aprile dall'oleodotto che dal porto Petroli di Multedo, passando da Fegino, scorre sino a Busalla. Un incidente molto serio, quello occorso nell'entroterra genovese, tanto da far scattare l'allarme inquinamento: lo sversamento dall'oleodotto della raffineria Iplom - avvenuto "a seguito della rottura di una tubazione interrata" – ha infatti rovesciato una grande quantità di petrolio nel rio Pianego, nel rio Fegino e, da questo, nel Polcevera.

Solo il tempo dirà se l'intervento delle squadre d'emergenza è riuscito a limitare la portata dei danni su una zona - tra l’altro - di pregio ambientale. Di sicuro, comunque, quanto accaduto ha messo a repentaglio l’ambiente e potrebbe avere pesanti conseguenze per il territorio coinvolto.

LE INDAGINI. Il sostituto procuratore presso la procura di Genova Alberto Landolfi ha aperto un'indagine a carico di ignoti per disastro colposo, e posto sotto sequestro il deposito costiero della Iplom a Fegino da cui si è prodotto lo sversamento. Le indagini sono state affidate all'Arpal (l'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente Ligure): i tecnici dovranno stabilire le cause dell'incidente e verificare il danno ambientale che lo sversamento ha procurato.

L'INIZIATIVA CODACONS. L'impegno del Codacons, in qualità di associazione ambientalista e di ente rappresentativo della collettività, è obbligato. In questo senso, abbiamo deciso di costituirci parte offesa nel procedimento e di mettere a disposizione di tutti gli interessati la nomina individuale, necessaria per avanzare in seguito un'eventuale richiesta di risarcimento danni.

PER ADERIRE. Per aderire iscriverti all'Associazione e aderire all'iniziativa clicca qui e invia un sms al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS 2017 (al costo onnicomprensivo di € 2,03, di cui una parte destinata alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma). Così facendo potrai scaricare la nomina individuale di persona offesa da indirizzare alla Procura di Genova per essere informato sugli sviluppi delle indagini.




Sezioni: Codacons in azione
Aree: CLASSACTION
Parole chiave: sversamento, petrolio, genova