Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
CLASSACTION - Codacons in azione
martedì, 17 maggio 2016

martedì, 17 maggio 2016

TASSE UNIVERSITARIE IN ECCESSO: IL CODACONS INTERVIENE PER FARE CHIAREZZA SULLA SITUAZIONE DEGLI ATENEI ITALIANI

Il Consiglio di Stato condanna l'Università di Pavia a un maxi-risarcimento da 8 milioni di euro in favore degli studenti, aprendo la strada a ricorsi simili in tutta Italia: il Codacons mette a disposizione degli interessati una diffida per richiedere la restituzione delle somme versate in eccedenza



I FATTI. La tassazione universitaria, negli ultimi anni, si è trasformata in un terreno minato. Le contestazioni degli studenti e delle organizzazioni che li rappresentano, infatti, procedono di pari passo con il rapido inasprimento delle “rette” universitarie, l'unica soluzione individuata per far fronte al dissanguamento che anni di tagli al Fondo di finanziamento ordinario hanno inflitto alle nostre facoltà. Non fa eccezione l'Università di Pavia, una delle più antiche d'Italia: qui, però, gli studenti hanno portato alla luce il mancato rispetto - per il triennio 2010-2012 - della normativa sulla tassazione universitaria. Una scoperta incredibile, che ha portato nelle tasche degli universitari un maxi-risarcimento da 8 milioni di euro. E, soprattutto, ha aperto la strada ad altre, analoghe rivendicazioni.

LA SENTENZA. La sentenza del Consiglio di Stato, che ha risolto in favore degli studenti la vicenda di Pavia, rischia infatti di aprire una voragine. Ricorsi simili potrebbero trascinare in tribunale anche altre università italiane, portando alla luce la situazione di potenziale illegalità che caratterizzerebbe la maggior parte degli atenei di casa nostra: ovvero di tutti quelli che, senza lo scorporo totale delle tasse pagate dagli studenti fuoricorso, non avrebbero rispettato il “vincolo del rapporto massimo del 20% tra il gettito della tassazione studentesca e quanto ricevuto dallo stato come Fondo di Finanziamento Ordinario”.

L'INIZIATIVA CODACONS. Di fronte a questa situazione il Codacons ha scelto di intervenire: in uno dei Paesi europei più cari, in termini di tasse pagate dagli studenti universitari (oltre 1.602 dollari Usa a studente), è necessario fare chiarezza sulla legittimità delle richieste degli atenei. Per questo, l'Associazione mette a disposizione di tutti gli studenti universitari, di qualsiasi ateneo (sia in corso che fuori corso) una diffida da indirizzare alla propria università. In questo modo si può richiedere - in caso di violazioni simili a quelle accertate a Pavia - la restituzione delle somme versate in eccedenza.

PER ADERIRE. Per scaricare la diffida, necessaria anche per interrompere la prescrizione, clicca qui.

L’iscrizione avviene tramite l'invio di un SMS al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS 2017 (al costo onnicomprensivo di € 2,03, di cui una parte destinata alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma).




Sezioni: Codacons in azione
Aree: CLASSACTION
Parole chiave: università, tasse universitarie, facoltà, tasse