Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
SANITA' - Comunicati Stampa Consumernews
giovedì, 17 dicembre 2009

giovedì, 17 dicembre 2009

ORA SI APRE LA STRADA ALLA CLASS ACTION

I giudici della Corte d'Appello di Brescia hanno riconosciuto come malattia professionale il tumore al trigemino di un ex dirigente di una multinazionale, attribuendone l'insorgenza alle emissioni elettromagnetiche generate da un uso prolungato del cellulare, per lavoro.
Per il Codacons si tratta di una sentenza molto importante e innovativa che apre la strada ad una possibile class action. Se il Codacons, infatti, aveva già aperto per primo una strada alla via del risarcimento, costituendosi parte civile nel procedimento penale relativo alle famose antenne di Radio Vaticana e ottenendo la liquidazione del danno non patrimoniale e delle spese legali degli avvocati, nel caso di oggi si apre la via al risarcimento in campo professionale.
Si tratta, infatti, della prima sentenza che stabilisce un rapporto diretto tra patologie lavorative e uso del telefonino. Se ci sono, quindi, consumatori che usano per molte ore al giorno il telefonino per esigenze professionali e ritengono che ci possa essere un collegamento con la malattia contratta, possono contattare gli uffici legali del Codacons per accertare la possibilità di un'azione legale.



Sezioni: Comunicati Stampa Consumernews
Aree: SANITA'
Parole chiave: brescia, cellulare, corte d'appello, invalidità, professionale, radio vaticana, telefonino, telefono