Il nostro sito utilizza i cookie. Per continuare la navigazione devi accettare il loro utilizzo.
Accetto
Info
Partner Gruppo Markonet
Non ingoiate il rospo
Cerca |

DA LEGGERE...
'Difendetevi! Manuale di sopravvivenza del consumatore' di Carlo Rienzi - Edizioni Cairo
'DISSANGUATI? La guida pratica per la tutela del consumatore' a cura del Codacons - ED. DE AGOSTINI
SANITA' - Comunicati stampa
venerdì, 21 aprile 2017

venerdì, 21 aprile 2017

VACCINI: CONSIGLIO STATO CONFERMA OBBLIGO PER ACCESSO AD ASILI TRIESTE



CODACONS: NORMA TRIESTE E’ E RESTA INAPPLICABILE FINO A CHE NON SARANNO IN COMMERCIO I 4 VACCINI OBBLIGATORI PER LEGGE

CONSIGLIO DI STATO CONFERMA SENTENZA TAR CHE SPECIFICA IN MODO CHIARO COME BAMBINI NON POSSANO ESSERE COSTRETTI A VACCINI NON OBBLIGATORI







Il Consiglio di Stato ha confermato la sentenza del Tar Friuli legittimando così l'obbligo di vaccinazione introdotto dal Comune di Trieste per l'accesso dei bambini ad asili nido e scuole materne.
Ma la decisione del Consiglio di Stato non cambia di una virgola la situazione: la legge varata dal Comune di Trieste sulle vaccinazioni è e resta inapplicabile – spiega il Codacons - Questo perché in commercio non esistono singolarmente i 4 vaccini obbligatori previsti dalla legge, e ai bambini può essere somministrato solo l’esavalente, che contiene anche due vaccini non obbligatori e che non possono essere in alcun caso imposti ai genitori.
Nel ribadire la correttezza della sentenza del Tar, il Consiglio di Stato di fatto conferma quanto scritto dai giudici amministrativi del Friuli circa l’impossibilità di obbligare le famiglie a somministrare ai propri figli i vaccini non obbligatori – prosegue il Codacons - Il Tar Friuli sosteneva infatti testualmente: “quanto all’asserita impossibilità dell’oggetto della delibera, che riguardando solo le vaccinazioni obbligatorie, implica la possibilità per i cittadini di sottoporre i loro figli alle sole vaccinazioni per le 4 malattie citate, laddove secondo i ricorrenti non esisterebbero nel mercato e nelle strutture pubbliche vaccini limitati a dette 4 vaccinazioni… non si può costringere nessun genitore a sottoporre il figlio alla vaccinazione non obbligatoria per legge, quindi è indiscutibile il suo diritto ad accettare solo quelle obbligatorie e non le altre“.
Fino a che le famiglie non potranno somministrare ai figli solamente i 4 vaccini riconosciuti dalla legge come obbligatori, la norma varata dal Comune di Trieste e gli analoghi provvedimenti adottati da Regioni e comuni sono inapplicabili, e nessun bambino non vaccinato potrà essere escluso da scuole e asili, pena pesanti denunce penali contro le amministrazioni locali – conclude il Codacons.





Sezioni: Comunicati stampa
Aree: SANITA'
Parole chiave: Consiglio di Stato , Tar Friuli, vaccini, trieste, asili nido