Codacons

DANNI DA PIERCING
form richiesta risarcimento





DANNI DA PIERCING

BUCARSI FA MALE!
Sei anche tu una vittima del piercing? Denuncia il tuo caso ad Articolo32!

Sembrerebbe una moda recente, ma se ne hanno testimonianze giÓ nel 1600, quando il pittore olandese Rembrandt compariva in molti autoritratti con il piercing all'orecchio sinistro, ovvero con il lobo ingrossato a causa delle possibili e continue infezioni contratte.

Infatti i piercing sono pericolosi, possono portare infezioni virali e batteriche, oltre che allergie e melanomi. Spesso il problema principale dipende dal mancato ricorso alle pratiche igieniche necessarie per effettuare il piercing. Si tratta di infezioni batteriche oppure di emorragie, lesioni o cicatrici.

Il Codacons, insieme ad Articolo 32, l'associazione parte integrante del Codacons specializzata nei danni alla salute, invitano tutti i consumatori che abbiano ricevuto danni da un intervento di piercing a compilare il modulo seguente oppure a telefonare al numero 06.3725986, dal Lunedi' al Venerdi', ore 14-17.

N.B. i campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Nome *

Cognome *

Contatto telefonico

Età


Data intervento

Email:*


Esponi il tuo caso



Anti Spam:
Sei un essere umano?


Perché ti viene richiesto questo?

Questa è una misura di sicurezza per evitare lo spamming che dilaga sulla rete e che abusa dei form di contatto pubblicati sui siti.


Verrai ricontattato al piu' presto per maggiori informazioni.

Dichiarazione D.Lgs. 196/2003 (Codice privacy).
Consapevole dei diritti riconosciuti dall’art 7 del D.lgs. n. 196/2003 (diritto di accesso, cancellazione, trasformazione in forma anonima, aggiornamento, rettificazione, integrazione) presto il consenso, ai sensi dell’articolo 13 del citato D. Lgs., per il trattamento dei dati personali da me spontaneamente forniti, nei limiti delle finalità sopra indicate di ricerca di collaboratori e degli scopi associativi. Resta inteso che il conferimento dei dati relativi a nome, cognome, indirizzo e-mail e numero di telefono è obbligatorio e l'eventuale rifiuto potrebbe comportare l’impossibilità di essere contattato per i fini della collaborazione.